I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

Diffusione e promozione della cultura teatrale, con particolare riferimento all'attività di prosa.

Il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, fondato nel 1954 è uno dei più antichi Teatri Stabili nazionali, e fra i Teatri Stabili pubblici italiani è riconosciuto come uno dei più prestigiosi e importanti.

Il Teatro ha sede a Trieste, al Politeama Rossetti - edificio costruito nel 1878 in stile eclettico - che è un teatro storico, ma per propria natura adatto ad ospitare una notevole varietà di generi spettacolari diversi: particolarità questa che tuttora - grazie anche agli interventi di modernizzazione tecnica delle prestazioni del palcoscenico effettuate negli anni - rappresenta una grande potenzialità per lo Stabile.

L'attività si articola su due sale: la Sala Bartoli - con 128 posti, spazio dedicato soprattutto alla drammaturgia contemporanea - e la sala maggiore del Politeama Rossetti (dal 2010 intitolata "Sala Assicurazioni Generali") che con la sua capienza di 1530 spettatori è a tutti gli effetti uno dei più grandi spazi dedicati alla prosa d'Italia e d'Europa.

L'attività del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia è finalizzata alla promozione e alla diffusione della cultura e dell'arte teatrale, sulla scorta dei più importanti teatri pubblici italiani ed europei. Dalla fondazione ad oggi al Teatro Stabile sono passati più di trecento spettacoli di produzione e migliaia di spettacoli ospiti: da sempre infatti lo Stabile intreccia la programmazione in sede ad una fondamentale attività di produzione di spettacoli nuovi che vengono circuitati in tutto il territorio nazionale e spesso anche all'estero.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 720.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

La Stagione 2020-2021 del Rossetti inizierà il 6 ottobre con la programmazione nelle due sale, la Sala Assicurazioni Generali e la Sala Bartoli.

Quest’anno, a causa dell’emergenza Covid-19, la stagione sarà suddivisa in due parti: una prima parte (da ottobre a dicembre) a capienza ridotta e, auspicabilmente, una seconda parte (da gennaio a maggio) a capienza piena. Una scelta di carattere soprattutto organizzativo che permetterà allo staff dello Stabile regionale di intervenire agevolmente in caso di un auspicabile allentamento o di una modifica delle misure di sicurezza sanitaria. È evidente che in questa situazione lo sbilancio tra entrate e uscite sarà maggiore rispetto a quelli delle precedenti stagioni. La volontà del Teatro è quella di non aumentare i prezzi; ma gli incassi, a capienza ridotta, subiranno ovviamente un forte decremento.

Sarà garantita la varietà dell’offerta, che spazierà, come al solito, dalla prosa ai musical alla danza. Nel corso dell’anno saranno garantiti i migliori spettacoli italiani di prosa con grandi attori come, ad esempio, Manuela Mandracchia (Premio Le Maschere del Teatro 2015), Anna Maria Guarnieri, Giulia Lazzarini, Alessio Boni, Elisabetta Pozzi, Filippo Dini, Giovanni Crippa, Rocco Papaleo, Maria Paiato e Fausto Paravidino.

Nella stagione danza il Rossetti ospiterà, tra gli altri, il classico balletto russo di Natale, oltre ad interessanti novità italiane. Il mercato internazionale è ancora in fase di valutazione circa le riprese da effettuare e le produzioni da circuitare e quindi la programmazione danza sta subendo qualche rallentamento.

Il blocco delle produzioni internazionali di Broadway e Londra apre l’opportunità per lo Stabile regionale di poter ospitare star di livello mondiale come Kerry Ellis, Thomas Borchert, Daniel Koe e alcuni dei più amati artisti nazionali come Giò Di Tonno e Elhaida Dani – gli amatissimi protagonisti di Notre Dame de Paris - che si esibiranno in produzioni con un minor numero di persone coinvolte ma di altissimo valore artistico. Nella seconda parte di stagione il Rossetti ospiterà Flashdance, La piccola bottega degli orrori e l’attesissimo evento Slava’s Snowshow.

Molti spettacoli saranno presentati a Trieste in prima nazionale; alcuni di questi in esclusiva regionale, altri addirittura in esclusiva per l’intero Triveneto.

Si tratta di un cartellone ricco e articolato, malgrado le molte difficoltà non solo di carattere finanziario, ma soprattutto gestionali a causa del Covid-19, che impongono un monitoraggio quotidiano con la ricerca di soluzioni appetibili ed appropriate al momento. Una programmazione che consentirà al Rossetti di mantenere un ruolo di primo piano nel panorama nazionale conseguito in tanti anni di attività.


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 49.222,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Ripristino della dotazione tecnica del Teatro per rispondere adeguatamente alle esigenze sceniche degli spettacoli di produzione e ospitalità per la messa in sicurezza edl palcoscenico e per il risparmio energetico

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA CHIUSA


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 6.956,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Nel febbraio scorso il giovane Manuel Bortuzzo, promessa del nuoto italiano, è stato gravemente ferito durante una sparatoria, forse per uno scambio di persona, ed è rimasto paralizzato, vedendo sfumare davanti a sé il sogno delle Olipmiadi. Nato a Trieste nel 1999 e cresciuto a Treviso, a 19 anni si è trovato a dover rimodulare la propria esistenza in un percorso senza più certezze.

La sua reazione al gravissimo episodio ha colpito l'opinione pubblica nazionale e lo ha portato alla ribalta dei principali media.

Alla luce dei forti legami tra Mauel, la sua famiglia e la città di Trieste, il Teatro Stabile de FVG ha proposto alle istituzioni pèubbliche cittadine e ha organizzato un aserata musicale per raccogliere dei fondi da devolvere a Manuel Bortuzzo. 

Alla serata presenti molti musicistoi e artisti operanti nella città di Trieste.


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 350.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

 

 

La Stagione 2019-2020 del Politeama Rossetti e della Sala Bartoli inizierà il 22 ottobre. Nel corso dell’anno ospiteremo i migliori spettacoli italiani di prosa con grandi attori come Franco Branciaroli, Anna Maria Guarnieri, Giulia Lazzarini, Marco Paolini, Gabriele Lavia ed altri nomi importanti. Nella stagione danza ospiteremo, tra gli altri, “Hubbard Street Dance Chicago” e “Australian Dance Theatre”. Per i musical e grandi eventi la produzione di “Notre Dame de Paris”  e “Slava Snowshow”.

Molti spettacoli serali saranno presentati a Trieste in esclusiva regionale o addirittura per l’intero Triveneto, garantendo così alla città un notevole ritorno anche in chiave turistica. Il cartellone, ricco e articolato, malgrado le molte difficoltà soprattutto di carattere finanziario che siamo costretti ad affrontare quasi ogni giorno – ci consentirà di mantenere un ruolo importante nel panorama nazionale conseguito in tanti anni. 

I costi che il nostro Teatro affronta sono onerosi, e ammontano a € 800.000,00  per il cartellone di prosa e altri percorsi, a quasi € 600.000,00 per la stagione dei musical e dei grandi eventi e a euro 160.000,00 per la stagione di danza. Se a essi vanno aggiunti i 150.000,00 euro di spese pubblicitarie e i 30.000,00 euro di spese editoriali per iniziative di approfondimento degli spettacoli, ne consegue che (con l’esclusione dei costi di esercizio del teatro, sostenuti dal Comune di Trieste, e i costi del personale, sostenuti dal Ministero per i beni e le Attività Culturali), la stagione del Politeama Rossetti ha un costo pari a € 1.740.000,00.        

I ricavi derivanti dalla vendita di biglietti e abbonamenti al netto di Iva e Siae ammontano a € 1.390.000,00 ne consegue quindi che a oggi il disavanzo a carico del nostro bilancio pari a € 350.000,00.       

 

 


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 66.380,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Il Teatro Stabile necessita di un adeguamento di materiale tecnico.

Il primo intervento riguarda l'acquisto di n. 14 Coloursource Spot, n. 8 Source Four Led, n. 8 Source Four Led Fresnell. L'acquisto di questi 24 proiettori rappresenta l'inizio di una nuova strada nel settore illuminotecnico. I sistemi a LED consentono importanti risparmi sui consumi (in media il consumo è di 1/5-1/6 rispetto alle lampadine alogene. Non necessitano di dimmer né di gelatine per cambio colore.

Per la sicurezza dei carichi sospesi va implementato il numero delle celle di carico con rispettive casse. Il quantitativo richeisto sarebbe di 14 unità.

Si rende necessaro l'acquisto di un nuovo fondale PVC e di uno schermo modello arizona. Va aumentata la dotazione dei fondali neri o grigio scuri con l'acquisto di tre pezzi.


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 380.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Come lasciava intuire fin dall’apertura della campagna abbonamenti lo slogan scelto per la Stagione 2018-2019 – “PARENTESI APERTE” – il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, in quest’anno d’attività si è posto la meta, attraverso la propria programmazione, di aprire la mente, suggerendo pensiero e spunti critici, di aprire il cuore, e regalare emozioni... E rimane anche ferma la volontà di aprirsi: ad un pubblico sempre più vasto, ai giovani, ai nuovi linguaggi, al panorama internazionale. L’attività si è sviluppata per oltre otto mesi, fitti di appuntamenti articolati negli itinerari di genere Prosa, Altri Percorsi, Danza, Musical & Eventi. Ma il cuore e l’identità dello Stabile regionale sono  fortemente legati alla creazione delle produzioni, nuovi spettacoli che il Teatro vara da solo o in collaborazione con altri enti e che portano in tutta Italia il nome della regione e della città in cui ha sede, e il segno artistico della sua compagine di attori e registi. Figuravano fra questi, i grandi allestimenti de “I Miserabili” di Victor Hugo, per la regia di Franco Però e con Franco Branciaroli (coprodotto con il CTB - Centro Teatrale Bresciano e il Teatro de gli Incamminati), “Salomè” di Oscar Wilde, diretto da Luca De Fusco (con il Teatro Stabile di Napoli, il Teatro di Genova e lo Stabile di Verona), poi i contemporanei “Un momento difficile” di Furio Bordon con Massimo Dapporto e Ariella Reggio (con lo Stabile di Catania), “Sindrome italiana” di Lucia Calamaro con Manuela Mandracchia, Sandra Toffolatti e Mariangela Torres (con il CTB e il Teatrodue di Parma), “(Tra parentesi) - La vera storia di un’impensabile rivoluzione” di e con Massimo Cirri e Peppe Dell’Acqua diretti dalla film-maker triestina Erika Rossi e “La ballata di Johnny e Gill” di Fausto Paravidino che è nato dalla rete internazionale creata dallo Stabile regionale e quello di Torino con il Théâtre Liberté de Toulon, La Criée - Théâtre National de Marseille e il Gran Théâtre du Luxembourg. La stagione Prosa è proseguita con "Il maestro e Margherita" di Bulgacov con Michele Riondino "10 piccoli indiani", "La classe operaia va in paradiso" con Lino Guanciale, "La Bibbia riveduta e scorretta" di e con Oblivion, "Le Prénom" di Schmitt, "Filomena Marturano" per la regia di Liliana Cavani e "Così è se vi pare" con Maria Paiato.Tra i Musical molto apprezzati "Ghost" e "We Will Rock You", mentre nel cartellone Danza molto applaudite le fornmazioni dei Momix, Les ballets Trockadero de Montecarlo, Parsons Dance Company e la compagnia Mc Gregor.

L'andamento della stagione 18/19  si è rivelato apprezzabile e in crescita. Dopo nen 298 alzate di sipario, lo Stabile regionale ha raggiunto un totale di 144.621 presenze agli spettacoli in abbonamento e agli eventi speciali. La stagione ha registarto presenze totaliin aumento di oltre il 20% rispetto alla satgione precedente.

Il Teatro si è avvalso degli strumenti pubblicitari classici e informatici che hanno raggiunto una larga utenza.


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Fine Lavori

COSTO COMPLESSIVO 290.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Si richiede un contributo a sostegno della programmazione teatrale della stagione 2017/2018


NOTE Intervento archiviato


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Fine Lavori

COSTO COMPLESSIVO 18.756,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

L'acquisto è finalizzato alla sostituzione della vecchia consolle per l'attività degli spettacoli in sede e in tournée.


NOTE Intervento archiviato