I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Nella Biblioteca comunale di Osimo è conservata una coppia di antichi mappamondi, realizzati in carta dipinta e legno, entrambi montati su supporti girevoli, su fusi a stampa, del diametro equatoriale di mm. 500.

Il globo celeste è del 1695, di Domenico de' Rossi; i nomi sono in lingua latina e le costellazioni sono indicate con le figure tradizionali.

Il globo terrestre è del 1744, di autore anonimo; i nomi sono in lingua latina, i meridiani e i paralleli sono tracciati di 10° in 10°, sono inoltre indicati i tropici e i circoli polari; vi è una rosa dei venti.

Informazioni sullo stato della conservazione

Entrambi i globi si presentano in pessimo stato di conservazione. Si riscontrano lacune in tutta la superficie pittorica e sollevamenti diffusi del colore e della preparazione. Si osservano delle ossidazioni del colore e, in particolare, un notevole ed esteso attacco di insetti xilofagi, che hanno aggredito il legno fino alla preparazione e alla carta decorata. Si notano abrasioni e consunzioni della carta con perdita di leggibilità, causate da manipolazioni, dal contatto con l'anello meridiano e da tentativi di pulitura.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Lunedì - venerdì, dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 15.30 alle 19.00.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 9.500,00 €

 slide

DESCRIZIONE INTERVENTO

1) Disinfestazione dagli insetti xilofagi;

2) Fermatura della pellicola pittorica a colla;

3) Pulitura: rimozione di vecchie patinature e verniciature per portare alla luce la policromia antica e, se non sarà possibile, si cercherà di abbassare il forte ingiallimento;

4) Stuccatura delle lacune presenti sulla policromia e sulla parte lignea;

5) Incollaggi delle varie parti che compongono la struttura lignea e inserimento di nuovi perni che assicurino la struttura;

6) Integrazione pittorica delle lacune presenti sulla policromia;

7) Protezione finale dei mappamondi dipinti con vernice specifica e della struttura lignea con cera microcristallina