I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

La costruzione di Palazzo Doria Pamphili, sugli antichi ambienti dell’Abbazia, si deve a Olimpia Maidalchini Pamphilj che, intorno alla metà del XVII secolo, affidò all’architetto Marcantonio De Rossi la trasformazione radicale del tessuto urbano di San Martino al Cimino.
Il centro urbano fu strutturato con case addossate le une alle altre e schierate in funzione della grande Abbazia e del Palazzo, usato originariamente dai monaci come ospedale e trasformato, in quest’occasione, in un sontuoso palazzo signorile utilizzando i materiali provenienti dall’altro palazzo di famiglia, quello di piazza Navona a Roma.
Il Palazzo Doria Pamphilj si compone rispettivamente di un locale medievale sottostante il piano stradale, noto come “Cantinone” (l’antico Hospitale dell’abbazia), di un piano rialzato (con la vasta sala Aldobrandini), di un mezzanino e di un piano nobile (con la splendida Sala Olimpia e le altre stanze impreziosite da soffitti lignei e fregi decorati).
Dal livello superiore, si può godere di uno spettacolare panorama: dalle ampie finestre lo sguardo spazia dai tetti a schiera alla piana viterbese con il limitare del mare.

Informazioni sullo stato della conservazione

Il Palazzo è internamente in buono stato, avendo ospitato per anni gli uffici dell'APT Viterbo e altre funzioni culturali e formative.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Il Palazzo è attualmente chiuso, ad eccezione di aperture straordinarie in occasione di eventi ed iniziative.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 282.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

- sistemazione del tetto e raddrizzamento della capriata - rifacimento degli intonaci e impermeabilizzazione - sistemazione dei pluviali, dei canali e delle grondaie - sistemazione infissi al Piano Rialzato e al Piano Nobile - intervento di illuminazione interna ed esterna - revisione, pulizia, sistemazione della gronda


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 300.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

- riattivazione e adeguamento degli impianti (idrico, termico, sanitario, riscaldamento e raffrescamento) - ripristino servizi igienici - adeguamento e messa a norma per prevenzione incendi