I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

 

Zo è un Centro per le arti e le culture contemporanee; uno spazio per la programmazione e la produzione nell’ambito della musica, delle arti performative ed elettroniche, della scrittura e delle arti visive. La sede del Centro Culturale Zo è una ex raffineria di zolfo che fa parte di un insieme di edifici industriali risalenti al secolo scorso, da qualche anno riqualificati e destinati ad altro uso. L’area delle ex-raffinerie si trova nel cuore della città e negli ultimi anni si è sviluppata diventando un punto di riferimento importante per i servizi turistico-culturali. Originariamente adibito alla lavorazione dello zolfo proveniente dalle miniere dell'entroterra siciliano, questo complesso costituiva il polo industriale catanese, vecchio motore dell'economia locale. Un evidente vantaggio logistico era costituito dalla vicinanza alla stazione ferroviaria, dalla quale i “panetti” di zolfo raffinato partivano per essere esportati in tutto il mondo. Il Centro nasce a Catania, città ricca di fermenti culturali e posizionata nel cuore del Mediterraneo, ponendosi come obiettivo quello di sviluppare scambi culturali, attraverso partnership e co-produzioni, con strutture e istituzioni culturali del panorama internazionale, con una particolare attenzione all’area euromediterranea. 

 

Informazioni sullo stato della conservazione

La fase di recupero dello spazio ha comportato interventi di varia natura, strutturali e impiantistici, tra cui lavori di realizzazione dell’impianto antincendio, impianto di aerazione forzata, e lavori per la messa in sicurezza dei locali ai sensi dell’art. 68 del T.U.L.P.S., il rifacimento/adeguamento dell’impianto di riscaldamento ai sensi delle leggi vigenti sul pubblico spettacolo (art. 68 T.U.L.P.S.) e lavori di adeguamento degli impianti elettrico ai sensi del D.M.37/2008 (ex L. 46/90),  il rifacimento di copertura e coibentazione di n. 2 tetti relativi ai corpi A (uffici) e B (bar/ristorante) dell’edificio per un totale di mq 250 circa, il consolidamento del solaio del corpo A (uffici) e la realizzazione della scala in ferro, lavori idraulici per la realizzazione dei servizi igienici, lavori di pittura e rifacimento intonaco in tutti i locali  dell’edificio (1000 mq) e la realizzazione infissi esterni con porte in ferro o ferro e vetro con maniglioni antipatico.

Allo stato attuale il Centro Zo necessita di ulteriori interventi di recupero, ristrutturazione e manutenzione quali rifacimento di copertura e coibentazione di n. 2 tetti relativi ai corpi D (sala multidisciplinare) e C (Auditorium), sostituzione dell'attuale pavimentazione con una  pavimentazione industriale, interventi per l'insonorizzazione delle sale D e C, recupero e messa in sicurezza della ciminiera presente nel cortile esterno e vincolata dalla legge 89/39 e adeguamento del cortile esterno alla normativa di pubblico spettacolo.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Zo centro culture contemporanee è unico " Organismo di programmazione multidisciplinare" (Mibac art 39) in Italia. Propone una programmazione di circa 160 spettacoli dal vivo annui, tra teatro, musica, danza e circo, oltre a cicli di proiezioni video, workshop, progetti di formazione e innovazione sociale. Nel rapporto con il territorio, Zo si propone al pubblico come luogo di riferimento per un’offerta culturale innovativa e sostiene produttivamente gli artisti locali. Lontano dall’idea di spazio museale, luogo aperto alla contaminazione, alla liminalità fra i diversi linguaggi espressivi e alla sperimentazione culturale, Zo fa della modularità e della versatilità un punto di forza, stimolando nuove modalità di fruizione degli eventi e la formazione di un nuovo pubblico. Dal centro del Mediterraneo, Zo si propopne quindi come nodo di un ampio circuito culturale internazionale, punto di convergenza e ponte tra le culture innovative del nord e del sud del mondo.

Il centro Zo è aperto giornalmente in orari di ufficio e in orari serali, con una fruizione media annua di spettatori paganti di circa 13.000 presenze. 

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 50.000,00 €

 slide
 slide
 slide
 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

L’intervento proposto prevede la ristrutturazione e il completamento di locali già indicati come spazio tecnico sovrastanti altri locali spogliatoio di proprietà dell’istante destinati a servizi ed accessori. Attualmente il locale è costituito da un unico ambiente di 105,00 mq allo stato grezzo. Le pareti sono costituite da muratura in pietra lavica a vista, la copertura è con struttura portante lignea e sovrastante manto di coppi siciliani. In corrispondenza di una delle pareti sono presenti delle aperture ad arco rifiniti con blocchetti di cotto siciliano tipici dell’architettura dell’epoca. In origine l’intero corpo di fabbrica a tutta altezza era destinato allo stoccaggio e raffinazione dello zolfo. Risulta presente e già oggetto di recupero, una ciminiera per lo smaltimento dei fumi della lavorazione. In epoca successiva è stato realizzato dall’amministrazione comunale, attuale proprietario del bene, un solaio intermedio sull’intera superficie, che ha originato i locali oggetto di intervento. Attualmente sulla copertura sono presenti fenomeni di infiltrazione in più punti con conseguenti problemi ai locali sottostanti alle pareti perimetrali con danneggiamento dei materiali originari, nonchè alla struttura lignea del tetto. L’intervento prevede il rifacimento del manto di copertura mediante rimozione delle tegole, realizzazione di tavolato, posa in opera degli strati di impermeabilizzazione e coibentazione e riposizionamento dei coppi previa sostituzione di quelli ammalorati. Le pareti in pietra e gli archi verranno integralmente restaurati mediante stilatura dei giunti con malta di calce, pulitura delle superfici mediante procedimento di sabbiatura umida, ripristino di lesioni superficiali con la tecnica del cuci e scuci e successiva applicazione di strato protettivo opaco e incolore per la chiusura di pori e per evitare il distacco di polveri da mattoni o pietre. Per la fruizione dei locali è prevista inoltre la realizzazione della pavimentazione, di pareti interne e l’adeguamento degli impianti.


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 75.000,00 €

 slide
 slide
 slide
 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

La copertura presenta struttura portante in legno costituita da capriate principali e travi secondarie; su queste ultime è posato il pacchetto di copertura in tre strati: perline in legno, strato di impermeabilizzazione con ondulina sottocoppo e sovrastanti coppi siciliani. La copertura attualmente presenta problemi sia di tenuta all’acqua che di tipo strutturale. Nelle aree d’intersezione tra le falde e i canali dell’impianto di condizionamento sono presenti svariati punti d’infiltrazione d’acqua; lo stesso problema si manifesta lungo le grondaie. Per quanto riguarda le strutture, sono stati eseguiti negli anni degli interventi “tampone” di consolidamento/puntellamento delle capriate principali mediante puntoni per ridurre la luce delle stesse. Le travi diagonali lungo le linee di displuvio presentano deformazioni non più recuperabili con interventi di consolidamento. Stesso problema è presente sulle travi secondarie che gravano sulle capriate. Le deformazioni sono evidenti da un semplice esame a vista della copertura. L’imbarcamento delle travi si ripercuote sullo smaltimento delle acque non più efficiente, con la conseguente creazione di aree di ristagno. Non essendo percorribile un intervento di consolidamento, fermo restando la conservazione dell’originaria sagoma a padiglione e la tipologia dei materiali presenti, il progetto prevede il rifacimento integrale della struttura portante e del soprastante pacchetto di copertura. La struttura verrà realizzata in legno lamellare con capriate e travi secondarie opportunamente dimensionate. Il manto di copertura sarà costituito in successione da tavolato in legno di abete, barriera al vapore, pannello di coibentazione, telo impermeabile, doppia listellatura e manto di coppi siciliani avendo cura di utilizzare come coppi superiori a vista, quelli provenienti dalla rimozione del manto esistente. Contestualmente verranno realizzati i sistemi di raccolta e deflusso delle acque avendo cura di utilizzare anche per questi sistemi, materiali compatibili con il contesto architettonico presente.


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 85.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Recupero, ristrutturazione e manutenzione quali rifacimento di copertura e coibentazione del tetto relativo alla sala B(Auditorium)


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 18.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Sostituzione dell'attuale pavimentazione con una pavimentazione industriale