I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Circondata da ampio fossato d'acqua, racchiude la saletta dipinta dal pittore manierista Parmigianino (1524) con il mito di Diana e Atteone, l'appartamento nobile dei Sanvitale e l'unica Camera Ottica in funzione in Italia.

L'edificazione risale al 1124, quando fu eretta una prima torre di difesa dai Pallavicino e il mastio centrale, oggi porta di ingresso alla Rocca stessa.

Nel XIV secolo il feudo divenne contea e fu importante resudeza signorile dei Sanvitale.

Dal 1948 è sede museale e comunale.

Informazioni sullo stato della conservazione

Edificio storico monumentale, parzialmente recuperato ma bisognoso di interventi di restauro e consolidamento. In particolare necessita di un intervento complessivo di manutenzione straordinaria e consolidamento per quanto riguarda coperture e sottotetto.

Alcuni locali ad uso museale presentano situazioni puntuali di dissesto e alcune superifici pittoriche da restaurare.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Uffici:

URP: 

  • lunedì:        08.30 -12.00
  • martedì:     10.30 - 13.00 
  • mercoledì: solo reperibilità telefonica
  • giovedì:      08.30 -12.00 /  14.30 - 17.00
  • venerdì:     10.30 -13.00
  • sabato:       09.00 - 11.00

UFFICI TECNICI:

  • lunedì e giovedì : 08.30 - 12.30 / 14.30 - 17.00

Museo Rocca Sanvitale:

  •  da Aprile ad Ottobre: aperto tutti i giorni con orario 09.30 - 12.30 / 15.00 - 19.00
  • da Novembre a Marzo : aperto da martedì a domenica con orario 09.30 - 12.30 / 15.00 - 18.00

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 120.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Interventi volti al miglioramento delle caratteristiche strutturali della scala


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 8.000,00 €

 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

Il museo della Rocca Sanvitale custodisce un teatrino giocattolo di notevole importanza storica, appartenuto ad Albertina di Montenovo, figlia di Maria Luigia d’Austria duchessa di Parma e Piacenza.

Databile tra il 1820 e il 1825, il teatrino è costituito da una scatola di legno che funge da base e lo contiene una volta smontato. E’ alto 107 cm e profondo 91 cm. Sul frontone è raffigurato lo stemma di famiglia. Il sipario in tela, con un meccanismo per l’avvolgimento nella parte superiore, rappresenta un giardino con un lago e al centro un’ isoletta con un tempietto classico.

Il teatrino è corredato da 24 marionette alte 18 cm. Una di queste è alta solo 11 cm. ed era presumibilmente usata per favorire l’illusione prospettica. Le marionette – tra cui ritroviamo Arlecchino, Brighella, il Dottore, il Re, la Regina, servitori e nobili di corte – sono in legno e stucco. I costumi e gli accessori sono originali.

Corredano il teatrino 6 scenografie su cartoncino, con vari ordini di quinte che raffigurano ambienti diversi: boschi, giardini, interni di palazzi ed esterni di città. Marionette, sipario, scenografie e frontone sono dipinti a tempera.  Fonte: MIBACT


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 12.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Lavori di restauro del tavlo da biliardo posto nella "Sala del biliardo" al secondo piano della Rocca Sanvitale


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 60.000,00 €

 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

L’intervento interessa le superfici intonacate e parzialmente decorate dell’androne di ingresso al cortile interno della Rocca Sanvitale di Fontanellato, coperto da una volta a botte ornata con affreschi risalenti agli inizi del XVI secolo, quando l'ingresso fu spostato dal mastio originario nella posizione attuale.

Le decorazioni della volta risalgono agli inizi del Cinquecento e rappresentano stemmi di famiglie collegate ai Sanvitale.

La decorazione, tuttavia, dopo che fu portata alla luce nel 1840, ha subito diverse ridipinture, che ne rendono difficile la datazione esatta.

Gli intonaci esistenti appaiono attualmente in condizioni di parziale degrado, dovuto in parte agli effetti dell’azione di umidità e fattori metereologici (non sono presenti segni di infiltrazioni, ma la volta e le pareti si trovano comunque esposte all’umidità dell’ambiente, così come a tutte le condizioni di temperatura, non trattandosi di un ambiente chiuso), in parte ad interventi di “riempimento” di lacune (periodo non conosciuto), mai completati con interventi di riordino pittorico.

Il perimetro a parete della volta è attualmente ricoperto da una tinteggiatura vistosamente incongrua dovuta a successive manutenzioni d’uso (periodo non conosciuto).

Oltre alla pulitura e al restauro degli affreschi esistenti e delle porzioni di murature sottostanti, si prevede la sostituzione dei corpi luminosi esistenti con nuovi elementi in grado di valorizzare l'apparato pittorico e l'ambiente dal punto di vista architettonico e tecnologico.


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 80.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

L'intervento prevede il consolidamento del primo ordine di colonne a piano terra del portico nord della corte interna della Rocca Sanvitale, attraverso le seguenti lavorazioni: • preparazione del supporto mediante pulizia accurata della muratura e stuccatura a calce idraulica delle fessurazioni e lacune più evidenti; • fornitura e posa di tessuto separatore in fibra di vetro in modo da evitare qualsiasi compenetrazione ed aggrappo al fusto della colonna da parte del successivo strato di resina epossidica; • fornitura e posa di tessuto bidirezionale in fibra di carbonio con sovrapposizione di cm. 10, posata con ausilio di rullo in modo da garantire la compenetrazione nello strato di resina bicomponente a consistenza tixotropica; • realizzazione di nuove catene in direzione trasversale al colonnato e nuovi capochiave esterni; • finitura superficiale dell'intervento da concordarsi nel tipo e nei colori con il funzionario preposto della soprintendenza. Si precisa che l'intervento risulta già autorizzato dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici competente.


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 125.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Restauro pittorico dei solai e delle murature perimetrali all'interno del locale museale denominato “Sala delle Armi” posto al primo piano della Rocca Sanvitale, tramite: • ristabilimento della coesione degli intonaci mediante iniezioni con malta idraulica premiscelata a basso peso specifico; • ristabilimento della coesione tra intonaco e intonachino mediante iniezioni di malta fine premiscelata a basso peso specifico; • rimozione delle veline servite a protezione; • rimozione di stuccature mal eseguite, incoerenti o non idonee; • rimozione dei depositi superficiali, pulitura con soluzioni solventi e rimozione di ridipinture incoerenti; • stuccatura delle lacune e delle crepe con malta esente da sali e polvere di marmo di granulometria e colore simile all'originale; • integrazione pittorica delle lacune.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA CHIUSA


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Procedure di Gara

COSTO COMPLESSIVO 18.000,00 €

 slide
 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

L’intervento riguarda parte del muretto di perimetro del fossato/ingresso alla Rocca nelle porzioni poste all’intradosso, intese come lato interno accessibile, dei paramenti murari, compresa la copertina di sommità.

Il paramento murario presenta evidenti tracce dovute a manutenzioni d’uso eseguite nel corso del secolo scorso, sono esplicite e rintracciabili le malte cementizie in essere, le quali datano quindi inequivocabilmente gli ultimi interventi eseguiti.

Sono presenti diversi conci in laterizio completamente degradati e/o mancanti che in alcuni punti alterano la compattezza della tessitura muraria e della copertina di sommità, quest’ultima è costruita con pezzi speciali di dimensioni progettate appositamente per l’opera.

La carica idraulica dei cementi presenti, associata alla esposizione solare, ha contribuito al proliferare di agenti biodeteriogeni quali muschi e licheni presenti in patina in alcune zone dei paramenti murari.

L’intervento mira ad eliminare gli elementi incongrui e fonte di degrado, quali i cementi e gli agenti biodeteriogeni di superficie, una integrazione dei conci mancanti e delle stuccature con malte simili alle esistenti per composizione e resa materica completerà l’intervento; i paramenti avranno quindi una facies finale cosidetta a vista.


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Fine Lavori

COSTO COMPLESSIVO 215.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Gli interventi di cui si compone il progetto sono:

  1. pulizia del manto di copertura del lato ovest della Rocca dal guano depositato dai piccioni e dal verde (erbacce) conseguentemente cresciuto, che ha causato lo spostamento di coppi ed infiltrazioni di acqua piovana in più punti, mediante completa ripassatura del tetto;
  1. realizzazione di serramenti nelle zone di sottotetto in cui vi sono merlature dalle quali, in particolari condizioni atmosferiche, entra acqua meteorica che va a deteriorare le strutture di solaio delle sottostanti sale ad uso museale.


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Fine Lavori

COSTO COMPLESSIVO 8.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

L'intervento prevede la sostituzione di n. 2 architravi presenti all’interno dell’ala nord e dell’ala ovest del percorso museale al piano primo della Rocca. Questi architravi sono stati fortemente danneggiati dagli eventi sismici succedutisi negli anni e, attualmente, risultano messi in sicurezza attraverso l’applicazione provvisoria di puntelli lignei. E' previsto anche il ripristino pittorico dei decori che circondano i sopradetti passaggi con modalità da concordarsi con la competente Soprintendenza.


NOTE Intervento archiviato