I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Tra il 1536 e il 1546, Giulio Romano, Prefetto delle fabbriche gonzaghesche e Superiore delle strade ai tempi di Federico II Gonzaga, realizzò le Pescherie sui due lati del ponte medievale di San Domenico sopra il Rio, il canale che scorre attraverso la città. Le Pescherie sono costituite da due loggiati che si fronteggiano, ciascuno sormontato da un armonioso attico praticabile. Sono queste le uniche costruzioni rimaste delle opere di pubblica utilità commissionate dai Gonzaga a Giulio. In seguito alla loro funzione di mercato del pesce, durata fino alla metà del Novecento, hanno finito col diventare il toponimo dell’intera via. Il portico di Levante è articolato in sei possenti campate impostate con archi su pilastri rivestiti in intonaco a bugnato rustico, come si ritrova nelle architetture giuliesche a Palazzo Te o in Palazzo Ducale. Verso il Rio, ampie aperture ad arco si aprono su un pittoresco scorcio del Rio e su un paesaggio d'acqua di antica tradizione per la città. Il fronte dell’attico verso il ponte è movimentato da finestre incorniciate alternate a brevi paraste sporgenti. La facciata a bugnato è chiusa da un’elegante cornice classica a ovuli, su cui sporgono le travi e la falda del tetto in coppi mantovani.  All’edificio delle Pescherie di Levante è addossato un edificio a tre piani a partire dal livello del Rio, che viene in parte interessato dall’intervento.

Informazioni sullo stato della conservazione

La Pescheria di Levante si presenta gravemente ammalorata sia nelle decorazioni che nella struttura. Per il loggiato lo stato di degrado della facciata verso strada è reso evidente dalla caduta di parte degli intonaci  a  bugnato; qui sono ormai quasi completamente visibili i blocchi dei mattoni che stanno sotto le malte grezzamente lavorate per fingere la bugna rustica, come è ricorrente nelle opere di Giulio Romano a Mantova; anche il piano superiore presenta cadute di intonaco; inoltre  le finestre sono state modificate rispetto al disegno originario, come risulta dal confronto con la facciata antistante delle pescherie di Ponente.

La struttura del portico presenta dal lato verso il Rio degli ammanchi di muratura in alcuni pilastri e parapetti che rendono urgente l’intervento di consolidamento, mentre le volte sembrano sicure.

Anche il ponte sottostante la loggia, pur essendo staticamente sicuro, richiede una serie di interventi per ripristinare alcune parti di muratura cadute in seguito ad infiltrazioni di acque piovane dalla via soprastante.

Più grave è lo stato interno dell’attico, inagibile per crollo di parte dei soffitti, con copertura a capriate irregolari, realizzate per successive integrazioni e puntellazioni.

Non meno critiche le condizioni dell’edificio adiacente, in parte interessato dall’intervento.

 

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

 

L'obiettivo primario del progetto è da un lato il recupero del monumento giuliesco restituito totalmente alla pubblica fruizione, dall'altro la riappropriazione, da parte della città e dei mantovani, del rapporto con l'acqua, nella riscoperta di immagini dimenticate ed inedite di acqua e di terra rispecchiate nel Rio.

I locali ai vari piani saranno aperti secondo orari legati alle attività che saranno svolte dalla Fondazione, da eventuali gestori o co-gestori, dal Comune di Mantova cui è riservata una congrua quantità di giornate di utilizzazione.

La scala e l’ascensore accessibile per disabili, oltre a collegare i locali ai vari piani, saranno aperti al pubblico per l’accesso al Rio dal livello della strada anche al di fuori degli orari di attività all’interno, quando sarà richiesto dal Comune di Mantova per particolari attività che si svolgeranno nel portico delle Beccherie, essendo tale accesso l’unico per ora disponibile. 

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Lavori in corso

COSTO COMPLESSIVO 752.000,00 €

 slide
 slide
 slide

DESCRIZIONE INTERVENTO

Il progetto di restauro e valorizzazione prevede la creazione di un presidio di alto interesse artistico-culturale e turistico, con il ripristino dell'accesso alla sottostante riva del Rio, interdetta da decenni. Al piano dell'attico sarà allestita un’unica grande sala con vista sul Rio, attrezzata per eventi culturali; le capriate saranno restaurate o integrate o sostituite, secondo quanto deciso dalla competente Soprintendenza dopo approfondite analisi; anche le finestre verso via Pescheria saranno ripristinate nella forma originaria, quale è visibile nella facciata antistante delle pescherie di ponente. Al piano della strada il loggiato sarà restaurato secondo criteri filologici; in particolare l’intonaco a bugnato verso via Pescheria sarà oggetto di analisi approfondite e di interventi di consolidamento e integrazione, secondo le prescrizioni della competente Soprintendenza. Al piano dell'acqua, al presente inagibile, sarà creato un ampio terrazzo-pontile destinato anche all'attracco delle imbarcazioni per le visite turistiche del Rio. Il terrazzo sarà in continuità con la passeggiata del portico delle Beccherie sottostante il Lungo Rio IV Novembre, attualmente privo di accesso. Un sistema di collegamento verticale, costituito da scala e ascensore accessibile per disabili, permetterà a tutti i cittadini di accedere dal livello stradale della loggia sia alla sovrastante sala polivalente dell’attico, sia alla quota della sottostante terrazza-pontile sul Rio, e da qui al portico delle beccherie. Una caffetteria completerà le strutture di accoglienza e di ristoro.