I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Si tratta di un dipinto di assai buona qualità pittorica, meritevole di essere valorizzato grazie ad un intervento conservativo e ad una approfondita ricerca storico-artistica. Riferito un tempo a Francesco Ruschi, è stato poi dubitativamente spostato da Arslan (1946) sul nome di Pietro Negri, pittore che mescola tratti desunti dalla corrente dei tenebrosi con altri elementi di cultura accademica di impronta classicistica; tale attribuzione, sebbene successivamente accolta anche da Pallucchini, Pilo e Moschini Marconi, non è esente da qualche incertezza. Impostato su una matrice veronesiana, presenta una notevole sapienza compositiva, caratterizzata dal fermo dispiegarsi delle figure principali sul primo piano, una esibita cultura classicista nel partito architettonico e una buona sensibilità naturalistica nella resa atmosferica e luminosa.

 

Informazioni sullo stato della conservazione

Il supporto del dipinto risulta notevolmente allentato con accentuate deformazioni superficiali. Presenta vernici ingiallite ed ossidate

 

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

L'opera sarà inserita all'interno del percorso museale a seguito del completamento dei lavori di restauro e dell'allestimento dei due saloni al pianterreno, con i seguenti orari

Lunedì 8.15 - 14
Martedì Domenica 8.15 - 19.15

 

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA CHIUSA


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 8.640,00 €

 slide

DESCRIZIONE INTERVENTO

Restituire la funzionalità del supporto mediante la rimozione della tela di rifodero e la realizzazione di fasce perimetrali necessarie al tensionamento della tela. Dopo la rimozione dalla superficie pittorica dei depositi incoerenti, quali polveri e particellato atmosferico, si procede alle operazioni consuete di pulitura della pellicola pittorica, alla stuccatura delle lacune e alla reintegrazione delle stesse con tecnica riconoscibile. Alla fine verniciatura al fine di proteggere il dipinto e di restituire il corretto indice di rifrazione della luce