I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Si tratta di un dipinto, pervenuto alle Gallerie nel 1976, certamente autografo di Giulia Lama, la cui fisionomia artistica si è andata precisando a partire dagli anni settanta del secolo scorso grazie agli di studi di Rodolfo Pallucchini, Ugo Ruggeri, Adriano Mariuz. Nella produzione dell’artista, dedita frequentemente a temi di storia sacra molto apprezzati dalla committenza ecclesiastica, il dipinto si colloca negli anni trenta del Settecento, non lontano dalla Crocifissione con gli apostoli di San Vidal (1726-32). Rispecchia bene lo stile della Lama basato su un’originale declinazione del linguaggio di Piazzetta in termini di essenzialità e persino ruvidezza, fin quasi alla deformazione anatomica, con esiti espressivi molto particolari. La tela è dominata dal corpo riverso di Oloferne, impostato in diagonale, rilevato in uno spazio in ombra grazie ad un fascio di luce quasi accecante; quest’ultimo fa emergere dalla oscurità anche la figura di Giuditta, con le braccia portate in avanti in un gesto di preghiera e il volto leggermente inclinato all’indietro visto in un potente scorcio. Come di consueto nelle sue composizioni, un personaggio, quello della vecchia serviente, è ritratta “in abisso”. Caratteristica della pittrice è l’utilizzo di un chiaroscuro violento, che costruisce ed insieme evoca i personaggi sulla scena, trasfigurando il dato naturalistico in una immagine fortemente espressiva.

 

Informazioni sullo stato della conservazione

Il dipinto presenta vernici ingiallite ed ossidate e diffusi ritocchi alterati che conferiscono un aspetto molto impastato e confuso agli incarnati e a al bianco dei tessuti

 

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

L'opera sarà inserita all'interno del percorso museale a seguito del completamento dei lavori di restauro e dell'allestimento dei due saloni al pianterreno, con i seguenti orari

Lunedì 8.15 - 14
Martedì Domenica 8.15 - 19.15

 

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA CHIUSA


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 10.000,00 €

 slide
 slide

DESCRIZIONE INTERVENTO

Sono state rimosse dalla superficie pittorica le vernici ingiallite, le ridipinture non originali e i depositi quali polveri e particellato atmosferico: il dipinto presentava ampie ridipinture e lacune soprattutto nelle zone dell'incarnato. Le perdite più importanti sono state succate e reintegrate con tecnica riconoscibile. Dopodiché il dipinto è stato verniciato al fine di proteggere l'opera e di restituirle il corretto indice di rifrazione della luce.
Si ringrazia Lyxor ETF per il contributo al restauro.