I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Il dipinto, proveniente dal convento dei SS. Giovanni e Paolo, venne consegnato alle Gallerie nel 1865 dopo essere stato depositato per oltre trent’anni a San Giovanni Evangelista, tra i dipinti di proprietà demaniale a seguito della soppressione dell’edificio ecclesiastico.

Da sempre riconosciuto quale opera del Ruschi, pittore romano formatosi nell’ambiente cortonese e post-caravaggesco, ma presto trasferitosi a Venezia (1627), esprime al meglio la maniera stilistica di questo artista nella fase matura, caratterizzata dal gusto per composizioni ricercate, per ricchi e preziosi drappeggi dai colori intensi e intonati su tonalità fredde. La figura della martire cristiana, Orsola, riconoscibile dall’esibito attributo della freccia che tiene in mano e dal bianco vessillo che la avvolge quasi interamente, è rappresentata leggermente di sbieco in atto di rivolgere lo sguardo verso l’alto. Appare ricoperta da abbandonante tessuti che “si dispongono come una preziosa natura morta” (Moschini, 1933), dove nella intonazione dominante dei bianco-grigi spiccano le note squillanti del colore turchese del corpetto e del rosso cupo dello scialle. Di grande effetto è la luce intensa che spiove lateralmente dall’alto e ritaglia sulla figura nelle zone d’ombra mentre si espande sul vessillo rendendolo quasi incandescente tanto da creare riflessi cangianti sul velo che copre le spalle e che è trattenuto dalla mano. L’ultimo restauro, eseguito da Lazzarin, risale al 1962.

 

Informazioni sullo stato della conservazione

L'opera presenta ritocchi alterati e vernici ingiallite ed ossidate che alterano anche i toni della pellicola pittorica

 

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Lunedì 8.15 - 14

Martedì - Domenica 8.15 - 19.15

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA CHIUSA


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Fine Lavori

COSTO COMPLESSIVO 7.000,00 €

 slide

DESCRIZIONE INTERVENTO

Dopo la rimozione dalla superficie pittorica dei depositi incoerenti, quali polveri e particellato atmosferico, si procede alle operazioni consuete di pulitura della pellicola pittorica, alla stuccatura delle lacune e alla reintegrazione delle stesse con tecnica riconoscibile. Alla fine verniciatura al fine di proteggere il dipinto e di restituirgli il corretto indice di rifrazione della luce