I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

L’organo della chiesa di Santa Maria del Suffragio (o del Purgatorio) in Amatrice è un pregevole manufatto attribuito all'artista organaro Adriano Fedeli Fedri realizzato nel 1777, come desumibile dal cartiglio scritto a penna posto nella secreta destra della cassa. La scritta reca la dicitura: «Ego Adrianus Fedri Fēc:t Añ:° Dom:ne 1777». L’artista era figlio di Feliciano Fedeli ed apparteneva ad una celebre dinastia di costruttori di organi originaria di Camerino ed attiva nel Centro Italia. Lo strumento di Amatrice presenta una elegante struttura lignea con la cornice sagomata ed una mostra divisa in tre campate di canne (7-7-7) che hanno le bocche allineate ed il labbro superiore a mitria.

Informazioni sullo stato della conservazione

Dopo l’evento sismico, Il personale del comando provinciale dei vigili del fuoco di Rieti, su richiesta del Ministero per i beni e le attività culturali e il turismo, è intervenuto presso il Comune di Amatrice, in Corso Umberto I°, all'interno della chiesa del Purgatorio, per effettuare il recupero dell’antico organo, il cui smontaggio è stato supervisionato da un esperto di organi. 

L'intervento ha consentito il completo recupero del prezioso manufatto. A causa del tempo trascorso in esposizione agli eventi atmosferici, i materiali costitutivi si sono gravemente degradati. Tutte le parti, ad eccezione della cassa armonica dello strumento, sono state asportate e imballate adeguatamente per il successivo stoccaggio presso il deposito di Cittaducale. Date le condizioni di conservazione del manufatto e le difficoltà nel ricollocarlo nella sua cassa originale, tutt'ora nello stato post sisma, si propende per un restauro integrale dell'organo, per la ricostruzione di una struttura di sostegno e di una nuova cassa armonica sul modello di quella originale per permetterne il riutilizzo e la trasportabilità anche in altri ambienti in attesa della ricostruzione della chiesa di origine.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Il bene non è attualmente visitabile.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 105.000,00 €

 slide
 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

TRASPORTO, INVENTARIO E CENSIMENTO DEI MATERIALI. Prima di avviare il lavoro sarà eseguito un rilevamento dettagliato dell’insieme dello strumento nelle sue singole strutture dei somieri, mantici, trasmissive e foniche che fornirà già una base importante di informazioni per poter approfondire la conoscenza della struttura. Le varie parti dello strumento saranno catalogate secondo le varie tipologie e, in particolare, il materiale fonico sarà riordinato con il rilevamento di canne campione per i singoli registri fino ad arrivare ad un censimento completo. 

OPERAZIONI DI RESTAURO. L'intervento prevede una prima fase di restauro delle singole strutture che compongono l'organo ed una seconda fase di restauro dello strumento musicale nel suo complesso. Le operazioni di restauro previste si differenziano a seconda del tipo di struttura e materiale.

  • RESTAURO DELLE SINGOLE STRUTTURE: materiale fonico (canne metalliche, canne lignee) somiere maestro, catenacciature –comandi di registrazione, tastiera, pedaliera, manticeria;
  • RICOSTRUZIONE DEL CASTELLO DI SUPPORTO E DI UNA NUOVA CASSA ARMONICA;
  • PRE-MONTAGGIO IN LABORATORIO.

TRASPORTO E RIMONTAGGIO.

INTONAZIONE E ACCORDATURA.

FASE DOCUMENTALE. Verrà predisposta apposita scheda di restauro per ciascun particolare, dove saranno riportate le caratteristiche descrittive e gli interventi eseguiti.