I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

Biblioteca dinastica, la Biblioteca estense Universitaria raccoglie la collezione libraria degli Estensi, le cui prime tracce risalgono al XIV secolo. Su impulso del marchese Niccolò III assunse la fisionomia di un'importante biblioteca umanistica, ricca di opere di contenuto letterario, storico e artistico, e la sua dotazione crebbe notevolmente nel periodo umanistico e rinascimentale con manoscritti di pregio e fondamentali edizioni a stampa, grazie alla raffinata e attenta vocazione al collezionismo dei duchi d’Este. Nel 1598, la Biblioteca seguì la dinastia nel trasferimento della capitale da Ferrara a Modena.
Nei secoli successivi, la Biblioteca Estense continuò ad arricchirsi di opere a carattere locale e internazionale, di fondi derivanti da soppressione di ordini religiosi e da lasciti e acquisizioni dovute anche all'attività illuminata di celebri bibliotecari come Ludovico Antonio Muratori e Girolamo Tiraboschi. Dopo l'Unità d’Italia, la Biblioteca Estense si fuse con la Biblioteca Universitaria, che portava in dote un’importante raccolta di testi filosofici, giuridici e scientifici: nacque così la Biblioteca Estense Universitaria, oggi moderno istituto di interesse nazionale. Nel corso degli ultimi due anni la biblioteca si è arricchita di una nuova piattaforma digitale che mette a disposizione di tutti una parte dei fondi antichi ad altissima definizione: https://edl.beniculturali.it/home/cover.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 700.000,00 €

 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

L'attuale piattaforma digitale della Biblioteca contiene una parte delle collezioni antiche: fondo musicale, cartografico e archivio Muratori. Vogliamo completare il progetto inserendo circa 1500 manoscritti dell’antico fondo estense ancora da digitalizzare. La loro presenza sulla piattaforma della biblioteca consentirà in futuro non solo di promuovere la ricerca ma anche di portare questi tesori nelle case di tutti attraverso modalità di fruizione diversa: da video su youtube e instagram, a vere e proprie visite guidate online. L'alta qualità  del formato di scansioni in uso sulla piattaforma consentirà la consultazione online dei nostri preziosi volumi pagina per pagina ad altissima risoluzione. Inoltre l'utilizzo del protocollo iiif permette all'utente di comparare le nostre pagine con quelle di altri libri in altre biblioteche del mondo, nonché di annotare e condividere liste e osservazioni riguardo a volumi interi, singole pagine o addirittura piccoli dettagli.