I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

L’Associazione Teatro Stabile della Città di Napoli si costituisce nel 2002 con sede nel settecentesco edificio del Teatro Mercadante di Napoli, per iniziativa di Regione Campania, Comune di Napoli e Provincia di Napoli. Successivamente alla compagine sociale si aggiungono prima Comune di Pomigliano d’Arco e Istituzione Comunale per la Promozione della Cultura della Città di S.Giorgio a Cremano, e poi nel 2015 l’Istituto Banco di Napoli Fondazione. Nel 2005 ottiene il riconoscimento ministeriale di Teatro Stabile ad Iniziativa Pubblica. Le attività e l’impegno costante hanno portato poi lo Stabile a conseguire nel 2015 la qualifica di Teatro Nazionale, confermata nel 2018 per il successivo triennio.

Alla storica sala del Teatro Mercadante si affiancano il Ridotto e il Teatro San Ferdinando, storico teatro che Eduardo De Filippo fece risorgere dalle macerie della guerra. Dal 2017, grazie alla convenzione quadriennale con la Soprintendenza di Pompei, lo Stabile conta sulla disponibilità del Teatro Grande del Parco Archeologico di Pompei per la propria programmazione estiva: la rassegna di drammaturgia antica Pompeii Theatrum Mundi. Nella filosofia dello Stabile gli spazi di rappresentazione non sono dei meri contenitori: tutti i luoghi utilizzati, infatti, si fondono con progetti attenti alle sollecitazioni provenienti dagli ambienti della tradizione e della ricerca teatrale, favoriscono l’incontro tra le diverse generazioni del teatro, promuovono attività formative impegnando giovani della Città e garantendo la trasmissione di saperi ed esperienze a tutti i livelli del fare teatro, senza mai perdere di vista le esigenze del pubblico.

Agli impegni produttivi si affiancano importanti collaborazioni con realtà italiane e straniere di grande prestigio; le ospitalità si articolano sempre intorno a progetti di approfondimento, ricerca, incontro tra linguaggi e generazioni. Numerosi sono gli accordi sottoscritti con gli Atenei della Città e della Regione, l’Accademia di Belle Arti di Napoli, gli Istituti di Cultura, sia per tirocini formativi da effettuare presso lo Stabile sia per l’ideazione di iniziative di accompagnamento nel processo formativo dei giovani.

Nel 2015 il Teatro Nazionale ha istituito la Scuola di Teatro. Diretta nei suoi primi mesi di vita da Luca De Filippo, prematuramente scomparso, fino  al 2020 è stata guidata da Mariano Rigillo e attualmente da Renato Carpentieri. Attività articolate e quotidiane garantiscono  agli aspiranti attori una formazione solida e completa, grazie a insegnamenti di base, laboratori specifici, seminari mirati

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 100.000,00 €

 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

Il Teatro di Napoli - Teatro Nazionale, diretto da Roberto Andò, è una realtà solida, fra le istituzioni più rappresentative del nostro Paese: lo attesta la fiducia sempre maggiore del pubblico, il cui incremento è in costante crescita soprattutto tra i più giovani; lo confermano i giudizi della critica, sempre attenta nei confronti delle tante attività programmate; lo avvalorano le prestigiose collaborazioni con gli altri teatri nazionali italiani e con analoghe strutture del panorama europeo.

Per il 2021, in virtù dei risultati fin qui conseguiti, gli spazi istituzionali del Teatro di Napoli definiranno sempre più precisamente la loro fisionomia: il Teatro Mercadante, storica sala napoletana in cui si programmano spettacoli incentrati su grandi testi classici e contemporanei; il Teatro San Ferdinando, la casa di Eduardo De Filippo, inteso come paradigma del teatro delle lingue, del repertorio e della nuova drammaturgia in continuità – o in rottura – con la grande tradizione teatrale napoletana; il Ridotto, teatro da camera, officina del contemporaneo. A questi spazi si aggiunge la suggestiva cornice del Teatro Grande di Pompei, luogo simbolo della cultura, ubicato all’interno del Parco Archeologico più famoso al mondo, dove il Teatro di Napoli svolge il Festival estivo Pompeii Theatrum Mundi, giunto alla sua quarta edizione.

Punti fermi dell’attività di produzione e programmazione del Nazionale restano la valorizzazione del repertorio classico come dei nuovi talenti della drammaturgia e della scena, i progetti tematici di approfondimento e ricerca, l'incontro tra linguaggi e generazioni teatrali, l'interazione e lo scambio con altre importanti istituzioni culturali del territorio nazionale ed estero finalizzati alla conoscenza e alla circolazione delle opere, la capacità di fare rete con altre strutture del sistema artistico e culturale, le attività laboratoriali e formative che impegnano giovani di provenienza geografiche e sociali differenti.

Una instancabile ed intensa attività che è possibile grazie ad un rilevante numero di attori, artisti, tecnici, scenografi, costumisti, sarte, datori luci e maestranze diverse.

In questo difficilissimo anno ci ha guidato una idea di teatro che equivale a una esperienza radicale in cui rimettere in gioco ciò che crediamo di pensare, di sentire o di credere.

Al Teatro di Napoli abbiamo, con questo spirito, per tutto l’inizio del 2021, portato avanti il lavoro di produzione artistica, anche se a porte chiuse, senza pubblico, con la consapevolezza e la necessità che il teatro doveva continuare a vivere.

Mai come adesso il teatro è stato per noi il luogo cui è stata delegata la possibilità di raccontare le mutazioni di cui non siamo ancora consapevoli.

Mai come questa volta tornare a teatro segnerà un possibile ritorno alla vita.

Per questo il tuo contributo, oggi più che mai, può essere determinante, per dare coraggio, per condividere un progetto, per ripartire insieme.


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 100.000,00 €

 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

 

Il Teatro di Napoli - Teatro Nazionale è una realtà solida, fra le istituzioni più rappresentative del nostro Paese: lo attesta la fiducia sempre maggiore del pubblico, il cui incremento è in costante crescita soprattutto tra i più giovani; lo confermano i giudizi della critica, sempre attenta nei confronti delle tante attività programmate; lo avvalorano le prestigiose collaborazioni con gli altri teatri nazionali italiani e con analoghe strutture del panorama europeo.

Il 2020 per il Teatro di Napoli è iniziato sotto il segno di un cambio di Direzione: soprattutto nella seconda parte di questo anno inizieranno a delinearsi i tratti di un nuovo corso che troveranno negli anni a venire più ampio sviluppo.

In virtù dei risultati fin qui conseguiti e dei nuovi obiettivi per il prossimo futuro, gli spazi istituzionali del Teatro di Napoli definiranno sempre più precisamente la loro fisionomia: il Teatro Mercadante, storica sala napoletana in cui si programmano spettacoli incentrati su grandi testi classici e contemporanei; il Teatro San Ferdinando, la casa di Eduardo De Filippo, inteso come paradigma del teatro delle lingue, del repertorio e della nuova drammaturgia in continuità – o in rottura – con la grande tradizione teatrale napoletana; il Ridotto, teatro da camera, officina del contemporaneo. A questi spazi si unisce nel 2020 la suggestiva cornice del cortile del Maschi Angioino di Napoli, luogo simbolo di Napoli ubicato di fronte al Teatro Mercadante, che ospiterà la rassegna estiva 2020.

Punti fermi dell’attività di produzione e programmazione dello Stabile restano la valorizzazione del repertorio classico come dei nuovi talenti della drammaturgia e della scena, i progetti tematici di approfondimento e ricerca, l'incontro tra linguaggi e generazioni teatrali, l'interazione e lo scambio con altre importanti istituzioni culturali del territorio nazionale ed estero finalizzati alla conoscenza e alla circolazione delle opere, la capacità di fare rete con altre strutture del sistema artistico e culturale, le attività laboratoriali e formative che impegnano giovani di provenienza geografiche e sociali differenti.

Una instancabile ed intensa attività che è possibile grazie ad un rilevante numero di attori, artisti, tecnici, scenografi, costumisti, sarte, datori luci e maestranze diverse.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA CHIUSA


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Fine Lavori

COSTO COMPLESSIVO 100.000,00 €

 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

La valorizzazione del repertorio classico come dei nuovi talenti della drammaturgia e della scena, i progetti tematici di approfondimento e ricerca, l'incontro tra linguagggi e generazioni teatrali, l'interazione e lo scambio con altre importanti istituzioni culturali del territorio nazionale ed estero finalizzati alla conoscenza e alla circolazione delle opere, la capacità di fare rete con altre strutture del sistema artistico e culturale, le attività laboratoriali e formative che impegnano giovani di provenienza geografiche e sociali differenti: sono i tratti distintivi che delineano la fisionomia del Teatro Stabile di Napoli, espressione del territorio cittadino e regionale, ricco di storia e di cultura ma anche interlocutore affidabile per contesti teatrali nazionali e internazionali. 

Il lavoro svolto negli ultimi anni dal Teatro Stabile di Napoli - Teatro Nazionale lo ha attestato in maniera sempre più solida fra le istituzioni più rappresentative del nostro Paese. Un risultato che è testimoniato dal continuo aumento di pubblico, in tutte le sue fasce, ma specialmente in quelle giovanili, dai giudizi della critica, sempre attenta nei confronti delle molteplici attività programmate, dalle prestigiose collaborazioni con gli altri teatri nazionali italiani e con analoghe strutture del panorama europeo. 

Proprio in virtù dei risultati conseguiti di stagione in stagione, le linee culturali degli spazi gestiti continuano ad essere precisamente definite: generalista quella del Mercadante, dialettale quella del San Ferdinando, contemporanea quella del Ridotto, strettamente legata alla drammaturgia antica quella del Teatro Grande di Pompei. Spazi privilegiati di un'attività produttiva molto intensa e, per questo, capace di impiegare un numero rilevante di attori, artisti, tecnici, scenografi, costumisti, sarte, datori luci e maestranze diverse. 


NOTE Intervento archiviato


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Fine Lavori

COSTO COMPLESSIVO 100.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Il risultato dell'attività di produzione del Teatro Stabile di Napoli è un programma intenso di titoli rivisitati e messi in scena da registi e artisti di differenti generazioni e sensibilità, ai quali vengono affidati - dal punto di vista del teatro e della scena - le domande sul nostro presente. 

Le numerose produzioni, coproduzioni e ospitalità vengono accorpate in due principali cartelloni in scena al Teatro Mercadante e al Teatro San Ferdinando, ai quali si aggiunge la programmazione della sala Ridotto (sita al primo piano del Mercadante):

  • nella sala principale, il Teatro Mercadante, si svolgono le attività più generaliste;
  • il Teatro San Ferdinando è la casa della cultura napoletana in particolare e di quella mediterranea in senso lato;
  • al Ridotto, spazio votato alle nuove proposte, vengono prodotti interessanti interventi di letteratura che si fa teatro; inoltre in questo spazio si è deciso di invitare registi esperti a dirigere i giovani attori che completano nel 2018 il triennio di formazione della Scuola di Teatro. 

 Infine presso il Teatro Grande del Parco Archeologico di Pompei si svolge la rassegna di drammaturgia antica "Pompeii Theatrum Mundi". 


NOTE Intervento archiviato