I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Il Cimitero di Staglieno fu aperto ufficialmente al pubblico il 1° gennaio 1851. 

L'incarico della progettazione era stato affidato già nel 1835 all'architetto civico Carlo Barabino (1768-1835)  il quale però non riuscì a portare a termine l'incarico per l'improvvisa morte nel 1835, nella grande epidemia di colera; il compito di sviluppare il progetto fu affidato al suo allievo e collaboratore Giovanni Battista Resasco (1798-1871), il cui piano fu approvato nel 1840. I lavori iniziarono nel 1844, in un'area, quella di Villa Vaccarezza, a Staglieno in gran parte ancora poco abitata, e non molto distante dal centro cittadino.

Una volta portata a termine, fra gli anni Sessanta e Ottanta, la struttura complessiva del cimitero, l'effetto veniva ad essere esaltato nel suo insieme dall'inserimento nel contesto ambientale naturale. Il Pantheon infatti, contornato dai porticati superiori, collegati attraverso la monumentale scalinata a quelli inferiori si adagiava sulla verde collina retrostante - la zona dei Boschetti e della Valletta Pontasso - che, popolata da una sempre più fitta vegetazione ospitava cappelle e monumenti disseminati e seminascosti nel verde (in quest'area si trovano la Tomba di Giuseppe Mazzini e quelle di molti protagonisti del Risorgimento).

Il Porticato Sant’Antonino.  Si tratta dell’ultimo ampliamento monumentale realizzato a Staglieno, su progetto dell’Architetto Michele Fenati. Cominciato nel 1937 ma inaugurato solo nel 1955, colpisce immediatamente per la sua ampiezza e luminosità, segno palese del notevole distacco dalle altre gallerie e porticati: le ampie arcate e i monumenti qui ospitati sono contraddistinti da uno stile più sobrio oltre che da soggetti più marcatamente religiosi che hanno sostituito le rappresentazioni allegoriche o quelle realistiche dei committenti.

Una delle figure più ricorrenti, infatti, è Cristo.

Raggiunto il centro del porticato a semicerchio, si trova, a destra della scala, la tomba di uno dei più grandi attori dialettali del Novecento, Gilberto Govi, che commissionò il suo monumento allo scultore Guido Galletti nel 1963, tre anni prima di morire.

È una tomba facile da riconoscere poiché riporta i segni distintivi del teatro: le maschere della commedia e della tragedia greca appoggiate su un sarcofago in marmo nero.

Informazioni sullo stato della conservazione

La struttura è ricompresa in area cimiteriale soggetta a vincolo monumentale art. 10 D.Lgs 42 del 22.1.2004 “Codice dei Beni Culturali – 28-002. Si presenta in stato di avanzato degrado manutentivo per vetustà particolarmente evidente riguardante le coperture, le soffittature, i prospetti e gli intonaci interni comprese le finestrature.

Occorre un intervento di manutenzione straordinaria della copertura piana pertinente la porzione di struttura a emiciclo compreso terrazzo ed altre porzioni di copertura piana di strutture accessorie.

 

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Cimitero Monumentale di Staglieno
Piazzale Resasco
16137 Genova

Tel. +39 010 870184 – 870185
Fax +39 010 815960

e-mail servcivici@comune.genova.it

www.staglieno.comune.genova.it

http://www.comune.genova.it/servizi/cimiteri

Come arrivare

In auto: Autostrada: uscita Genova Est

In autobus: Linea 13 - 14 - 34 - 48

In treno: Stazione Brignole + autobus linea 14

In aereo: Aereoporto Cristoforo Colombo + Volabus linea 100 per Stazione Brignole autobus linee 12 - 14

Orario

tutti i giorni 7.30 - 17.00

25 dicembre e Pasqua: 7.30 – 13.00

Chiusura nelle seguenti giornate:
1° e 6 gennaio, lunedì dell'Angelo, 24 giugno, 15 agosto, 26 dicembre.

Quando tali festività (escluso il lunedì dell’Angelo) coincidono con la domenica il cimitero è APERTO (7.30 - 17)

L'ingresso è consentito fino a mezz'ora prima dell’orario di chiusura previsto.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 430.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Manutenzione straordinaria della copertura piana e delle soffittature della Galleria di S. Antonino (1° e 2° lotto) del Cimitero Monumentale di Staglieno.


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 165.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Prosegue il complesso intervento di manutenzione straordinaria e di restauro della Galleria di sant'Antonino nel monumentale cimitero di Staglieno.