Immagini di Restauro conservativo, rinforzo e consolidamento
Immagini di Restauro conservativo, rinforzo e consolidamento
Immagini di Restauro conservativo, rinforzo e consolidamento
Immagini di Restauro conservativo, rinforzo e consolidamento
Immagini di Restauro conservativo, rinforzo e consolidamento
Immagini di Restauro conservativo, rinforzo e consolidamento
Immagini di Bastione Via Marconi Fossano
Immagini di Bastione Via Marconi Fossano
   
Immagini di Restauro conservativo, rinforzo e consolidamento
Immagini di Restauro conservativo, rinforzo e consolidamento
Immagini di Restauro conservativo, rinforzo e consolidamento
Immagini di Restauro conservativo, rinforzo e consolidamento
Immagini di Restauro conservativo, rinforzo e consolidamento
Immagini di Restauro conservativo, rinforzo e consolidamento
Immagini di Bastione Via Marconi Fossano
Immagini di Bastione Via Marconi Fossano

Il bastione/muro di sostegno fa parte del complesso Ospedaliero di Fossano le cui origini risalgono alla Fondazione della Città, cioè al 1326, ma il reale funzionamento della struttura si suppone debba farsi risalire già al 1260. Fonti di informazioni non ufficiali propendono all’affermazione che l’Ospedale di Fossano sia stato fondato dalla Confraternita di Gesù Crocifisso (poi sopravvissuta come Confraternita dei Battuti Rossi), ed era luogo di ricovero e di cura degli infermi, mentre prima probabilmente esisteva un “Hospitale”, inteso come semplice ricovero di pellegrini. Agli inizi del XIV secolo l’ospedale ricevette un notevole sviluppo che lo trasformò in un’opera assistenziale di notevoli proporzioni, in grado di far fronte alle necessità dei fossanesi e di accogliere gli infermi di passaggio. Il merito di tale trasformazione fu di Oddino Barotti (1344-1400) considerato, un po’ per tradizione popolare, il vero fondatore dell’Ospedale.

All’inizio del XVI secolo, Fossano è colpita dalla peste, che porta una terribile carestia, ne segue un aumento dello spirito religioso e quindi la nascita di altre due confraternite minori: quella detta di “San Francesco” (Santissimo nome di Gesù) e la “Confraternita dello Spirito Santo”; è il Lancimano di origine tedesca, dottore in legge e membro della confraternita del SS. Crocifisso che nel 1542 aggiorna i vecchi statuti e stabilisce che le tre confraternite si radunino in occasione dell’Epifania, della SS. Trinità e di Ognissanti, in uno dei tre oratori per recitare insieme le devozioni e per attendere all’amministrazione dell’Ospedale che rappresenta l’operato attivo di dette confraternite.

Nel 1548 a Roma si organizza un’Arciconfraternita dedicata alla SS. Trinità, alla quale si aggrega quella fossanese che prende quindi il nome di “Confraternita della SS. Trinità” e l’ospedale amministrato da detta confraternita, è chiamato “Maggiore”, probabilmente per distinguerlo dagli altri due più piccoli denominati S. Antonio (dove si dispensavano cure conseguenti a patologie da ustioni) e S. Lazzaro (dove si dispensavano cure per la lebbra); contestualmente in quegli anni inizia un graduale processo di separazione dell’amministrazione dell’ospedale e della Confraternita che terminerà nel 1586. All’inizio del 700, con l’incremento della popolazione e il propagarsi delle epidemie, ci si rende conto che l’originaria dimensione dell’ospedale non consente di affrontare in modo adeguato la sfida che deriva dall’inurbamento di consistenti quote di popolazione in precedenza dispersa nelle campagne, ma passarono un bel po’ di anni alla posa della prima pietra avvenuta intorno al 1724. Progettista fu Francesco Gallo, con un ulteriore consulto dell’ingegnere di Torino Gian Giacomo Plantery; venne individuato un nuovo sito che si trovava nel terziere del Romanisio, presso l’omonima porta sud della città.

Descrizione dell'intervento

Il progetto in esame, riguarda l'Ospedale di Fossano, in particolare il consolidamento di una soletta retrostante il "Bastione" lato via Marconi, che presenta uno stato fessurativo della muratura esterna in mattoni importante.

Con l'intervento in oggetto, consolidando la soletta interna, viene aumentata la stabilità del muro esterno, e nel contempo con un intervento "di cuci e scusi" si consente la messa in sicurezza del parametro esterno in mattoni con particolare attenzione al restauro e recupero della muratura, sottoposta a vincolo paesaggistico , data l'importante valenza storica della stessa, risalente alle originarie mura di costruzione dell'Ospedale nel XVIII secolo.


Contribuisci a tutelare il patrimonio culturale italiano

Scopri come diventare un mecenate

Ente beneficiario

Asl Cn1

Erogazioni ricevute

158.046,36 €

Mecenati

: 1

I mecenati che hanno scelto di essere visibili:
Fondazione Cassa Di Risparmio Di Fossano

COINVOLGI LA TUA COMMUNITY

Scopri come comunicare, promuovere e far votare il tuo progetto

1° fase

RACCONTA E CONDIVIDI

Utilizza la newsletter e i social media per raccontare il tuo progetto e il concorso. Chiedi a tutta la tua community di votare e di condividere il concorso tra i loro amici.

2° fase

USA L’HASHTAG

Condividi ogni contenuto utilizzando l’hashtag ufficiale #concorsoartbonus2024. In questo modo sarai rintracciabile da tutte le persone che lo utilizzeranno e potrai ampliare la tua community.

3° fase

METTI IN EVIDENZA

Metti in evidenza sui tuoi canali social un post che promuova il progetto. Ricordati di inserire il link alla pagina di votazione e di chiedere in modo chiaro alla tua community di votare.

4° fase

TROVA UN TESTIMONIAL

Coinvolgi un testimonial o un influencer che possa dare visibilità al tuo progetto e promuovere il concorso nella propria fan base.

Scopri altri progetti in gara nella stessa regione

Associazione Culturale Casanoego - Transatlantica Festival 2022
Cella Monte

Associazione Culturale Casanoego - Transatlantica Festival 2022

vota il progetto
Musei Reali Torino - Cappella della Sindone, restauro apparati decorativi e balaustra
Torino

Musei Reali Torino - Cappella della Sindone, restauro apparati decorativi e balaustra

vota il progetto