Immagini di Area Archeologica ipogea presso la Chiesa di S. Prisca
   
Immagini di Area Archeologica ipogea presso la Chiesa di S. Prisca

Il complesso archeologico è localizzato al margine sud orientale del colle Aventino in parte sotto la chiesa di Santa Prisca e in parte nel giardino della canonica.
L’area è stata oggetto di importanti ritrovamenti fin dal XVIII secolo quando viene scoperto un oratorio datato al IV sec. d.C. ornato con pitture degli Apostoli di cui non rimane purtroppo alcuna testimonianza in situ.
Nel 1935 alcuni scavi intrapresi dai padri Agostiniani negli ambienti sottostanti la chiesa portano in luce il santuario dedicato a Mitra e altri ambienti di età imperiale ad esso connessi.
Successivamente, a partire dal 1952, l’Istituto Storico Olandese si dedica, in regime di concessione, a una serie di campagne di scavo del sito i cui risultati sono confluiti nel 1965 in una pubblicazione.
Tale contributo editoriale si concentra sull’aula mitraica - decorata con preziosi affreschi e ricavata nel III sec. d.C. nel braccio di un criptoportico di una casa privata - lasciando sostanzialmente inedita l’area archeologica indagata dagli Olandesi negli anni 1964-1966 nel giardino a sud della chiesa.

La recente rilettura di questo settore ha consentito di riconoscere fasi di frequentazione dell’area comprese tra il IV secolo a.C. e l’età post antica pertinenti ad un importante complesso residenziale articolato su terrazzamenti collegati da scale.
Sebbene gli apparati pittorici e pavimentali dell’impianto abitativo abbiano restituito solo lievi evidenze archeologiche, la fitta successione stratigrafica dei resti unita alla lettura delle fonti antiche lascia immaginare ambienti di lusso finemente decorati appartenuti a famiglie molto vicine alla corte imperiale. Di recente è stato ipotizzato che alcune strutture sotto la chiesa siano appartenute a L. Licinio Sura, fedele amico dell’imperatore Traiano.
In particolare degni di menzione sono due pozzi per la captazione dell’acqua forse connessi con l’Acquedotto Appio che attraversa l’Aventino dalla fine del IV sec. a.C. con un percorso ipogeo; la fase tardo repubblicana (II-I sec. a.C.) riconducibile ad alcuni ambienti a due piani con rivestimento in opera incerta e in opera reticolata; i resti di età giulio-claudia (I sec. d.C.) pertinenti ad un impluvium e ad una pavimentazione in opus sectile; il massiccio intervento edilizio risalente all’età traianea (II sec. d.C.) con la realizzazione di un criptoportico a tre braccia con funzione di sostruzione e contenimento del colle e infine nel III sec. d.C. l’inserimento del mitreo nel criptoportico che farà da base per lo sviluppo della successiva struttura ecclesiastica.

Descrizione dell'intervento
L'intervento prevede lavori di messa in sicurezza, ai sensi del DLgs 81/08, con realizzazione di impianto di illuminazione e adeguamento normativo dell'impianto esistente; attività di manutenzione straordinaria e di consolidamento sulle strutture murarie antiche; attività di manutenzione straordinaria e messa in sicurezza del controsoffitto moderno. 


Contribuisci a tutelare il patrimonio culturale italiano

Scopri come diventare un mecenate

Ente beneficiario

Soprintendenza Speciale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Roma

Erogazioni ricevute

25.000,00 €

Mecenati

: 1

I mecenati che hanno scelto di essere visibili:
COLLEXTION MEDIAZIONI SRL

Scopri altri progetti in gara nella stessa regione

Organo della chiesa di S. Maria del Suffragio ad Amatrice danneggiato dal sisma del 24 agosto 2016 e custodito presso il Deposito di Cittaducale (RI) - Restauro
20° posto | 2242 voti
Cittaducale

Organo della chiesa di S. Maria del Suffragio ad Amatrice danneggiato dal sisma del 24 agosto 2016 e custodito presso il Deposito di Cittaducale (RI) - Restauro

Fondazione MAXXI  -   Attività 2019/2020
27° posto | 1547 voti
Roma

Fondazione MAXXI - Attività 2019/2020