I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

L'Associazione Culturale CapoTrave / Kilowatt è una compagnia di produzione teatrale, una residenza artistica e un festival multidisciplinare teatrale, coreografico, circense e musicale.

L'Associazione è stata fondata nel 2003 e ha sede a Sansepolcro (Ar).

CapoTrave / Kilowatt si propone di contribuire allo sviluppo, alla diffusione e alla promozione dell'innovazione e della sperimentazione negli ambiti dello spettacolo dal vivo, anche mediante la ricerca di collaborazioni e sinergie con altri soggetti artistici, nonché con enti e organismi locali, regionali, nazionali e internazionali, sia pubblici, sia privati.

L'Associazione CapoTrave / Kilowatt partecipa attivamente a numerose reti culturali, con particolare attenzione ai temi dello scouting e del sostegno di nuovi talenti della scena e ai progetti riguardanti il coinvolgimento attivo degli spettatori nei processi di produzione dello spettacolo dal vivo.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 300.000,00 €

 slide
 slide
 slide
 slide
 slide

DESCRIZIONE INTERVENTO

Da oltre sedici anni, nel mese di luglio, per dieci giorni, la cittadina rinascimentale di Sansepolcro è invasa da circa 70 repliche di oltre 50 spettacoli di teatro, danza, circo contemporaneo e musica.

Una decina di luoghi cittadini vengono allestiti come spazi di spettacolo per accogliere le più innovative produzioni di giovani e/o affermati artisti teatrali, coreografici, circensi e musicali del panorama nazionale e internazionale.

Il festival produce ogni anno numerosi spettacoli, sia tramite contributi diretti agli artisti, sia attraverso la concessione di periodi di residenza creativa presso il Teatro alla Misericordia di Sansepolcro.

Kilowatt si è accreditato come uno dei più significativi eventi di settore nazionali e internazionali, conosciuto a livello europeo per la qualità delle scelte artistiche e per l'innovativo format dei Visionari grazie al quale un gruppo di 40 cittadini selezionano alcuni degli spettacoli presentati al festival, dopo un lungo lavoro di visione e confronto che li tiene impegnati per oltre 7 mesi, durate l'inverno e la primavera. Si tratta di cittadini curiosi e appassionati, ma che non sono ad alcun titolo addetti ai lavori,

L'idea che sta al centro di ogni attività culturale presentata da Kilowatt Festival è che gli artisti non siano geni appartati che operano in solitudine, ma che la creazione sia uno sforzo collettivo al quale tutti - artisti, operatori, spettatori, critici - possono e debbono partecipare.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA CHIUSA


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 320.000,00 €

 slide
 slide

DESCRIZIONE INTERVENTO

Da oltre quindici anni, nel mese di luglio, per dieci giorni, la cittadina rinascimentale di Sanseplocro è invasa da circa 70 repliche di oltre 50 spettacoli di teatro, danza, circo contemporaneo e musica.

Una decina di luoghi cittadini vengono allestiti come spazi di spettacolo per accogliere le più innovative produzioni di giovani e/o affermati artisti teatrali, coreografici, circensi e musicali del panorama nazionale e internazionale.

Il festival produce ogni anno numerosi spettacoli, sia tramite contributi economici diretti agli artisti, sia attraverso la concessione di periodi di residenza creativa presso il Teatro alla Misericordia di Sansepolcro.

Kilowatt Festival si è accreditato come uno dei più significativi eventi di settore nazionali, conosciuto anche a livello europeo per la qualità delle scelte artistiche proposte e per il suo innovativo format dei Visionari grazie al quale un gruppo di circa 40 cittadini locali seleziona una parte del programma del festival, dopo un lungo lavoro di visione e confronto che li tiene impegnati per oltre 7 mesi, durante l'inverno. Si tratta di cittadini curiosi e appassionati, ma che non sono ad alcun titolo addetti ai lavori.

L'idea che sta al centro di ogni attività culturale presentata da Kilowatt Festival è che gli artisti non siano geni appartati che operano in solitudine, ma che la creazione sia uno sforzo collettivo, al quale tutti - artisti, operatori, spettatori, critici - possono e debbono partecipare.