I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i. L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Gli storici giardini del Frontone, nel quartiere di Borgo XX Giugno, o Borgo Bello, sono adiacenti alla basilica di San Pietro e sin dal 1275 è fatta menzione di una piazza, corrispondente all'area degli attuali giardini, adibita a campo di battaglia, dove i perugini prendevano parte al gioco della sassaiola, loro grande passione.

Sotto Braccio Fortebraccio, tra il 1414 e il 1420, lo slargo fu adibito a "piazza d'arme" per le esercitazioni militari dei giovani. Alla fine del Quattrocento i passatempi a sfondo bellicoso lasciarono il posto a nuovi divertimenti come la corsa al palio, i tornei e numerose feste, tanto che i giardini presero il nome di "piazza d'Amore" con Braccio Baglioni.

Alla morte del Baglioni il Frontone venne abbandonato, e lasciato incolto fino al Settecento, quando l'Accademia dell'Arcadia, fece il suo ingresso a Perugia.

Informazioni sullo stato della conservazione

Il restauro dell'arco e delle sei statue prevede la sistemazione della seduta in mattoni dell'esedra e la ripulitura delle statue.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

aperto

Destinazione delle erogazioni liberali

RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 50.000,00 €

Il restauro dell'arco e delle sei statue prevede la sistemazione della seduta in mattoni dell'esedra e la ripulitura delle statue.