I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i. L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Il pozzo è in pieno centro storico, lungo la strada alla convergenza di Via dei Priori con Via San Francesco. Lo stemma del grifo rampante in bassorilievo segnalava, ai perugini dell'epoca, che si trattava di un pozzo della rete idrica pubblica, la cui potabilità era garantita proprio dall'emblema del Comune.

Di probabili origini medievali, il pozzo mostra un puteale in travertino di forma circolare, con una base e una vera di cordoli modanati semicircolari.

Informazioni sullo stato della conservazione

Annerimento dovuto a deposito superficiale di polvere e smog.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Sempre aperto

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA CHIUSA


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Fine Lavori

COSTO COMPLESSIVO 15.000,00 €

 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide

DESCRIZIONE INTERVENTO

Gli interventi  sono stati suddivisi per interventi preliminari estesi su tutta la superficie, interventi localizzati e puntuali  per il paramento in travertino.

L’ordine secondo cui sono stati stilati rappresentano l’ordine cronologico delle lavorazioni da rispettare

INTERVENTI PRELIMINARI SU TUTTA LA SUPERFICIE

  1. Intervento preliminare a secco con pennellesse, spatole ed aspiratori atto a rimuovere i depositi superficiali, guano ecc 
  2. Operazione di disinfezione mediante biocida in due stesure di cui la seconda 7-10 giorni per eliminare la patina biologica

 

PARAMENTO IN TRAVERTINO

  1. Operazione puntuale di disinfestazione mediante applicazioni localizzate di biocida nei punti  dove l’attacco biologico è più aggressivo
  2. Stuccatura preliminare delle soluzioni di continuità del paramento murario in travertino con un primo strato di malta a base idraulica e inerti idonei sottosquadro
  3. Riadesione di scaglie mediante resina epossidica
  4. Operazione di pulitura con impianto di idropulitrice ad acqua calda a bassa pressione esteso anche all’interno del pozzo.
  5. Pulitura chimico fisica  mediante impacchi in polpa di cellulosa  e successiva estrazione di sali solubili mediante applicazioni di acqua demineralizzata in sospensione con carta assorbente e/o similari nelle zone dove sono presenti le croste detritiche e le patine più estese.
  6. Operazioni di rimozione con mezzi meccanici, manuali e/o strumentazioni di precisione dove sono presenti le alveolizzazioni del travertino
  7. Operazioni di stuccatura finale con malta idonea sul paramento murario in travertino
  8. Operazione di macrostuccatura nei casi di mancanza  o integrazione in pietra
  9. Revisione cromatica e trattamento superficiale per la equilibratura delle  stuccature e dei paramenti lapidei trattati con scialbatura
  10. Eventuale protettivo impermeabilizzante di elementi lapidei
  11. Trattamento finale di disinfestazione  mediante biocidi a lento rilascio per prevenire la formazione di micro e/o macroflora 
  12. Restauro ringhiera esistente
  13. Documentazione fotografica finale in digitale
  14. Elaborati grafici e relazione tecnica finale a documentazione dell’intervento


NOTE Intervento archiviato