I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i. L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

I Giardini Storici fanno parte del complesso architettonico dell'ex monastero di San Paolo. L'area del monastero, interessata anche da indagini archeologiche, presenta fin dalle prime fasi di espansione del cenobio (sec. XI) spazi destinati a coltivazioni e produzioni agricole e impianti di molitura. In un primo momento destinate alla produzione di risorse agroalimentari e fitoterapiche, destinate al fabbisogno delle monache benedettine ospitate nel monastero, le coltivazioni furono successivamente desitnate all'approviggionamento di erbe medicinali destinate al vicino monastero benedettino di San Giovanni Evangelista. 

L'ampliamento dell'impianto edilizio durante il XV e XVI secolo, quando si data anche l'intervento del Correggio nella decorazione della camera della badessa Giovanna da Piacenza, vede una riorganizzazione dei giardini e una rifortificazione delle chiusure ad est in prossimità dell'attuale borgo Giordani. 

Con l'abbandono da parte della comunità monastica e la soppressione napoleonica degli Ordini religiosi si assiste, durante la prima metà dell'Ottocento a una fase di abbandono dei Giardini alla quale seguì il recupero nella seconda metà del secolo contestualemente all'attivazione, nel complesso, del Convitto Comunale Femminile. Dal secondo dopoguerra i Giardini entrano a far parte dei parchi pubblici del Comune di Parma.

Informazioni sullo stato della conservazione

Lo stato di conservazione dei Giardini storici presenta diverse criticità sia nella definizione degli spazi e dei percorsi nonché nella cura delle essenze botaniche. Si contano diverse sedute in condizione di inutilizzabilità mentre la fontana storica necessita di un intervento di restauro.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

I Giardini sono fruibili tutti i giorni dalle 8:00 alle 20:00

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Lavori in corso

COSTO COMPLESSIVO 17.150,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Il progetto, che si è aggiudicato il primo premio, e il finanziamento di parte del progetto, nell'ambito del bando “Giovani per il territorio” promosso dall'IBC della Regione Emilia Romagna. Con questo si intende riqualificare e valorizzare i Giardini storici del Monastero di San Paolo (PR); si sviluppa attraverso due interventi. Il primo passo è rappresentato dalla realizzazione di un percorso con allestimento, già svolto, mentre un secondo momento è dedicato alla manutenzione e al restauro di parte dei Giardini storici. L'intervento di manutenzione e restauro si sviluppa con una preliminare individuazione e riattamento del sentiero inghiaiato nella parte sud-est del Giardino alla quale verrà aggiunta la manutenzione delle sedute ed il restauro della fontana decorativa. La manutenzione del sentiero e delle aree di sosta sarà seguita da un intervento di protezione delle essenze vegetali ancora presenti nei Giardini, per le quali un primo studio a carattere botanico ha individuato un ruolo significativo nel comunicare la vocazione orticola e fitoterapica degli orti monastici nel loro sviluppo storico. Le erogazioni liberali, cui spetta il credito di imposta, saranno destinate a tali lavori di manutenzione, protezione e restauro dei Giardini.