I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

La Biblioteca Comunale di Nove  è situata al primo piano dell’edificio che un tempo ospitava la Regia Scuola d’Arte istituita nel 1875, oggi Liceo Artistico. Fornisce servizi di base, di studio, di documentazione locale e raccoglie pubblicazioni di vario genere per l’incremento della sezione dedicata alla ceramica. E’ una biblioteca  di pubblica lettura a scaffale aperto. All’interno della Biblioteca sono esposti i piatti dei personaggi illustri di Nove, dipinti da Ottorino Pigatto.

Ad oggi il patrimonio posseduto sfiora i 20.000 documenti con inserimento a catalogo annualmente di circa 200 nuovi documenti tra acquisti e donazioni.

Per garantire un luogo di cultura adeguato, l'impegno dell’amministrazione è quello di collocare la biblioteca all’interno di Palazzo Baccin, un manufatto storico settecentesco principale all’interno del complesso storico-artistico con vincolo monumentale che comprende anche l’adiacente palazzo Zanolli-Sebellin.

Palazzo Baccin si presenta con l’inserimento del grande e pregevole fregio ceramico posto lungo tutta la facciata principale in alto al di sotto del timpano centrale.

La struttura dell’edificio di impostazione Palladiana si sviluppa su tre piani con la composizione classica del piano terra con l’androne centrale di accesso,  il piano primo “ nobile “ con la stanza centrale, l’ultimo piano costituito da unico locale con le quattro falde a padiglione direttamente in vista.

Lo sforzo compiuto dall’amministrazione comunale finalizzato al miglior recupero e restauro interno ed esterno del complesso storico-artistico ha avuto fin dall’inizio l’obiettivo primario di consegnare uno degli edifici più interessanti del territorio novese all’utilizzo pubblico per importanti finalità culturali.

La scelta pertanto di trovare all’interno di questi spazi la nuova collocazione della biblioteca comunale vuole segnare la volontà di collegare il valore culturale di memoria e significato storico del manufatto con la concezione di memoria  della vita dei popoli che la biblioteca stessa rappresenta.

La convivenza di questa attività con l’edificio non potrebbe essere più adeguata se si aggiunge la scelta ulteriore di inserire all’interno delle sale del nuovo spazio culturale civico anche alcuni pezzi importanti del museo della ceramica ora non visibili direttamente al pubblico.

 

 

 

 

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 177.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Per garantire un luogo di cultura adeguato, l'impegno dell’amministrazione è quello di collocare la biblioteca all’interno di Palazzo Baccin , manufatto storico settecentesco recentemente ristrutturato. In questo ambito ideale la necessità prioritaria sta nella ricerca della soluzione più ricca di senso e significato attraverso l’organizzazione funzionale e strutturazione fisica degli spazi da predisporre per le diverse attività da insediare.

Le idee sviluppate per i principali componenti funzionali del sistema biblioteca partono dalla necessità di avere la flessibilità e componibilità anche in futuro ma soprattutto durabilità, assenza di manutenzione, coerenza estetica tra le varie parti.

La proposta di progetto prende in considerazione i componenti principali necessari al funzionamento di una biblioteca ovvero:

 

__scaffalature necessarie per il collocamento dei libri e di altri materiali informativi;

__tavoli, piani di appoggio e banconi;

__sedie e poltroncine;

__teche espositive;

__attrezzature e apparecchi elettronici ed informatici;

__sistema di illuminazione.