I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

La struttura scientifica e di ricerca del Museo comunale di Foggia, svolge l’attività fondamentale di conservazione, acquisizione, ostensione e divulgazione delle collezioni museologiche e del patrimonio culturale costituito nel corso di oltre 80 anni di attività.

Un altro settore cruciale del museo è rappresentato dal Centro didattico con laboratori rivolti alle scuole e alle famiglie, percorsi di scoperta, visite guidate, corsi di formazione per insegnanti e sussidi didattici. 

Il Museo e la Pinacoteca Comunale furono istituiti il 28 ottobre del 1931, unitamente al Museo di Tradizioni Popolari ed erano situati nel Palazzo San Gaetano, di fronte all'attuale sede del Museo.

Attualmente, all’interno del Museo Civico, in Piazza Nigri 1, sono stati allestiti n. 5 spazi per agevolare la conoscenza e la divulgazione della figura di Umberto Giordano, grande compositore lirico nato il 28 Agosto 1867 a Foggia. Compositore appartenente al verismo musicale, Giordano si caratterizza per il fortissimo senso del teatro e per l'inventività melodica ricca e generosa, d'accento incisivo, oltre che per la spontanea eloquenza, di suggestiva ed efficace immediatezza. Già in opere come Andrea Chénier e Fedora egli si valse di una discreta veste strumentale e di una generale compostezza di scrittura. Tuttavia, per rimanere al passo con gli sviluppi musicali del tempo, dopo le prime opere Giordano cercò di arricchire il proprio linguaggio musicale, riuscendo a conseguire, in Madame Sans-Gêne e ne Il Re, risultati interessanti per l'abile taglio teatrale e l'attenzione per la parte orchestrale.

Destinazione delle erogazioni liberali

RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 918,500.00 €

Il progetto ha l’obiettivo di valorizzare il patrimonio culturale legato alla figura di Umberto Giordano che trova spazio all’interno dell’area espositiva del Museo Civico di Foggia. Tuttavia, valorizzare la figura del grande compositore foggiano vuol dire dare corpo e sostanza alla sua arte attraverso la valorizzazione delle sue opere. Il coinvolgimento, la conoscenza, la divulgazione della sua opera presso i pubblici di riferimento più sensibili Tutto questo è perfettamente in linea con le finalità del progetto Art Bonus nel cui manifesto si legge: “Conservare i nostri beni culturali vuol dire conservare anche la nostra identità e trasmetterla ai nostri figli. Anzi, molto di più: è garantire al mondo la perpetuazione di una risorsa cruciale il cui destino è anche nelle nostre mani. Appartenenza, orgoglio, cura, divulgazione: sono questi i concetti intorno a cui si focalizza il nostro appello”. L’iniziativa si pone l’obiettivo di consacrare una delle figure di riferimento della lirica italiana nel panorama internazionale, attraverso il sostegno al Museo Civico di Foggia, luogo di cultura pubblico (così come previsto nella tipologia B di interventi che è possibile sostenere con lo strumento dell’art bonus). Il progetto si articola intorno alle 13 opere del Maestro, raccontate con un linguaggio contemporaneo attraverso la musica, le arti visive e istallazioni capaci di essere ripresentate successivamente in altri contesti. Il percorso narrativo durerà un anno. Ogni mese sarà dedicato ad un’opera del compositore, facendo così scoprire e vivere al grande pubblico i capolavori del Maestro.Le azioni previste sono: Valorizzazione e divulgazione delle opere di Umberto Giordano; Realizzazione di un’installazione permanente, creata per essere itinerante in ambito internazionale, al fine di raccontare la figura di Umberto Giordano, la sua arte, il suo territorio; Presentazione dell’Annullo Filatelico dedicato alle celebrazioni; Attività di comunicazione e coinvolgimento.