I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i. L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Dopo l'arrivo del primi coloni, nel 1734, a Ponza, i Borboni pensarono di dare un nuovo assetto urbanistico con la costruzione del porto sui resti di quello romano.
I lavori iniziarono nel maggio 1768 e vennero impiegati come manovalanza i forzati che vennero alloggiati nella grande Cisterna di via Parata chiamata, anticamente, Grotta di Pilato.

Oltre ad essere una Cisterna è stata anche alloggio dei forzati che erano impegnati a costruire il porto e relativo Foro Borbonico.
Infatti viene chiamata anche Cisterna del Bagno.
Durante la seconda guerra mondiale è stata anche un rifugio antiaereo per gli abitanti della zona.
Winspeare, nel suo progetto dell'area portuale, definisce la Cisterna di Via Parata quartiere per i forzati con i suoi lucernaj.
Per alloggiare i forzati vennero ripristinate le antiche prese di luce ed aria.

Informazioni sullo stato della conservazione

IL bene ad oggi è in uno stato di conservazione pessimo, essendo negli anni antecedenti , stata usata come ricovero di materiale e residui refrattari, il valore culturale ed archeologico dell'opera necessita, quanto prima di un ripristino per accrescere il valore di una colletività SOCIALE E TURISTICA.

 

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Ad oggi il bene risulta non Fruibile

Destinazione delle erogazioni liberali

RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 200,000.00 €

L'intervento sarà volto alla Protezione e Restauro del bene stesso, attraverso tre fasi operative , volte a Ripulire il bene da detriti e materiale accumulato da Anni, Restaurarlo secondo le indicazioni e la dimensione storica del bene, attraverso opere di Restauro, la terza fase è la fruizione del bene stesso ed il Ritorno alla collettività.