I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i. L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Con l'edificazione della reggia, fatta erigere da Ubertino nel 1338, la famiglia dei Carraresi afferma il suo potere a Padova.
L'area scelta per la costruzione della reggia, un'autentica " insula" nel cuore della città racchiusa da una cinta muraria lunga 800 m., trova i confini nella zona compresa tra Piazza del Duomo, Piazza dei Signori, Selciato di S.Nicolò, via Dondi dell'Orologio e via Accademia.

La Loggia e le parti retrostanti del palazzo sono l’unica parte rimasta intatta dell’insieme architettonico.
La doppia Loggia e le stanze adiacenti, la cui costruzione terminò nel 1343, costituivano l’abitazione dei Principi; la Loggia formata da eleganti colonne di marmo, delimitava per due lati un vasto spazio, detto Praetto, confinante con la cinta muraria; nell’interno crescevano alberi e rigogliosa verzura; il lato est (di cui si notano solo le prime due colonne inferiori) collegava il palazzo di Ubertino con la Sala degli Uomini Illustri.
Sul lato ovest continuava la loggia "esterna" di Ubertino, precisamente nel luogo dove subito dopo la sua morte (1345), sotto il principato di Iacopo, si sentì l’esigenza di costruire un luogo devozionale, di preghiera e di raccoglimento, oltre che per la famiglia, anche per i numerosi ospiti. La Loggia "esterna" fu allora chiusa e ridotta a Cappella, che il Guariento affrescò con le scene del Vecchio Testamento.
Dalle mura di ponente partiva, su 28 arconi, un vero e proprio viadotto chiamato "Traghetto", alto nove metri da terra, largo tre, merlato da ambedue i lati, che conduceva dal palazzo fino alla porta Tadi, collegandosi con le mura della città e con la Torlonga (oggi la "Specola"): di qui il Principe poteva vigilare e provvedere all’ordine pubblico, o avere sicurezza di scampo. Quest’opera, considerata "fatiscente", fu smantellata e distrutta nel 1777.
Nel 1877, l’architetto Camillo Boito demolì un’ala del palazzo di Ubertino nonostante le animate proteste di storici illustri, fra i quali Andrea Gloria

Informazioni sullo stato della conservazione

L'edificio, parte di proprietà del Comune di Padova e parte dell'Accademia Galileiana, dopo la caduta dei Carraresi e l'annessione di Padova alla Repubblica Veneta è stato utilizzato d'apprima come come sede della Cancelleria. Nel 1779 la Sala superiore, detta "del Guariento" fu donata dalla Repubblica Veneta all'Accademia di Scienze, Lettere e Arti in Padova  (ora Accademia Galileiana). Con la caduta della Repubblica gli altri ambienti della Reggia vennero adibiti a vari utilizzi sia pubblici che privati, subendo ampi rimaneggiamenti. Nel 1877 un'intera sezione della struttura fu abbattuta per fare posto alla prima scuola elementare pubblica di Padova.

Nel 1916, con un accordo tra l'Accademia ed il Comune di Padova, l'Accademia ricevette in concessione perpetua gli ambienti rimanenti del primo piano della Reggia, in completo abbandono da 40 anni e parzialmente aperti alle intemperie a seguito della demolizione dle 1877,  e il Loggiato. L''Accademia ne curò il restauro e la rimessa in funzione, tra l'altro riaprendo le porte che permettevano l'Accesso da quelle sale alla Sala del Gueriento .

Negli anni '60 l'Accademia, grazie all'intervento del Ministero della Pubblica Istruzione e anche tramite una generosa donazione della famiglia Anselmi,  acquisì i restanti ambienti della Reggia.

A tutt'oggi l'Accademia cura la manutenzione ordinaria e parte della manutenzione straordinaria delle parti di proprietà comunale della Reggia.
Negli ultimi anni ciò ha comportato il rifacimento di parte del tetto, messa a norma degli ambienti sia per gli impianti che per misure antincendio, interventi di manutenzione dei pavimenti in terrazzo veneziano e lavori agli infissi. Compatibilmente con le disponibilità economiche dell'Accademia ogni anno viene progettato e realizzato un nuovo intervento di restauro.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Le sale della Reggia Carrarese e gli affreschi sono visitabil dal mercoledì al sabato dalle ore 10.00 alle 12.30. Viene effettuata inoltre un'apertura domenicale una volta al mese.
Le visite sono gratuite.

E' inoltre possibile prenotare visite fuori dal suddetto orario pagando un contributo a copertura delle spese del personale.

Ulteriori informazioni sul sito dell'Accademia all'indirizzo web: http://www.accademiagalileiana.it/Orario-pubblico-di-visita-alla,314.html

 

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Lavori in corso

COSTO COMPLESSIVO 27.027,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Intervento straordinario di manutenzione ai fini di preservare l'integrità degli ambienti a seguito di perdite nascoste nelle tubature dell'impianto di riscaldamento.