I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

Il Museo Chiossone è il primo museo d’arte giapponese fondato in Europa (1905). Il suo patrimonio cinese e giapponese fu raccolto in Giappone da Edoardo Chiossone, eccelso incisore genovese che lavorò presso l’Officina Carte e Valori del Ministero delle Finanze a Tōkyō dal 1875 al 1898. Le collezioni comprendono pitture, stampe policrome e libri illustrati antichi, sculture e suppellettili liturgiche buddhiste, reperti archeologici, bronzistica, lacche, porcellane, smalti cloisonné, maschere teatrali, armature e armi, strumenti musicali, costumi e tessuti, complementi dell’abbigliamento maschile e femminile. Per esigenze di conservazione  i dipinti su carta e su seta, le stampe policrome e i tessili sono esposti a rotazione.  La Direzione ha sviluppato intensi rapporti di collaborazione scientifica ed economica con enti giapponesi, in particolare con la Japan Foundation, l’Istituto Nazionale per la Ricerca sui Beni Culturali di Tōkyō e la Fondazione Sumitomo, organizzando programmi di conservazione e restauro. Grazie alla collaborazione con l’Istituto Nazionale di Letteratura Giapponese di Tokyo è recentemente uscito il catalogo scientifico dei libri illustrati antichi; è in corso la collaborazione con l’Art Research Center dell’Università Ritsumeikan di Kyoto e l’Università Ca’ Foscari di Venezia per la digitalizzazione e la catalogazione delle stampe policrome, dei libri illustrati antichi e del patrimonio pittorico. La valorizzazione e la divulgazione delle tradizioni artistiche e culturali del Giappone e dell’Asia Orientale si basa interamente sul patrimonio museale, esposto annualmente in rotazioni espositive oltre che in mostre speciali e rassegne tematiche. L’esposizione in programma per il 2017, intitolata Cibo per gli Antenati, Fiori per gli Dei: trasformazioni dei bronzi arcaistici in Cina e in Giappone, esplora i significati della bronzistica in Asia Orientale e gli influssi esercitati dalla metallotecnica cinese sul Giappone nei secoli XIII-XIX.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA CHIUSA


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 40.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

La valorizzazione e la pubblica divulgazione delle tradizioni artistiche e culturali del Giappone e dell’Asia Orientale si basa interamente sul patrimonio museale, esposto annualmente in rotazioni espositive oltre che in mostre speciali e rassegne tematiche. L’esposizione in programma per il 2017, intitolata Cibo per gli Antenati, Fiori per gli Dei: trasformazioni dei bronzi arcaistici in Cina e in Giappone, esplora i significati della bronzistica in Asia Orientale e gli influssi esercitati dalla metallotecnica cinese sul Giappone nei secoli XIII-XIX. Il Museo Chiossone svolge un’intensa attività come prestatore a mostre di livello e importanza nazionale e internazionale. Organizza cicli annuali di attività culturali e didattiche dedicate al Giappone, comprendenti conferenze e gallery talks, corsi di composizione floreale (ikebana) e di calligrafia, feste tradizionali dell’anno giapponese, spettacoli e concerti: tra le iniziative i offerte al pubblico e alle scuole d’ogni ordine e grado sono da menzionare laboratori e visiteguidate; le attività musicali comprendono oltre 30 concerti all’anno, organizzati presso il Museo dall’Associazione Amici del Carlo Felice e del Conservatorio ‘Nicolò Paganini’, dall’Associazione ‘Pasquale Anfossi’, dalla direzione del Conservatorio Paganini e dal Conservatorio di Alessandria.