I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

Il Polo museale dell'Emilia-Romagna gestisce e coordina le attività di valorizzazione di 24 siti tra musei, pinacoteche, monumenti, parchi archeologici e dimore storiche di proprietà statale nel territorio regionale. Sul territorio ravennate, il Polo articola il suo programma di attività culturali su cinque luoghi (di cui tre UNESCO): il Museo Nazionale, la Basilica di Sant'Apollinare in Classe, il Mausoleo di Teodorico, il Battistero degli Ariani e il cosiddetto Palazzo di Teodorico

Il MUSEO DI RAVENNA, divenuto Nazionale nel 1885, è ospitato da oltre un secolo nell’ex  monastero benedettino di San Vitale. Il complesso risale al X secolo e viene modificato molte volte nei secoli fino alle soppressioni napoleoniche degli ordini religiosi nel XVIII secolo. Il patrimonio museale è formato da raccolte  eterogenee riconducibili ad tre gruppi principali. Il nucleo più antico è frutto del collezionismo di varie congregazioni di monaci ravennati, in particolare dei camaldolesi del monastero cittadino di Classe durante il Settecento. Il secondo nucleo è formato da reperti di scavo del territorio ravennate: manufatti di varia natura, da oggetti in ceramica a resti monumentali che coprono un arco temporale molto ampio. Infine il patrimonio si è arricchito grazie a donazioni e acquisizioni. Il percorso si articola su due piani: inizia con la raccolta lapidaria che si snoda nel primo chiostro detto “della cisterna”, della seconda metà del XV secolo e nel secondo o “claustro novo” del 1562; da qui si raggiunge l’antico Refettorio per ammirare gli affreschi del XIV secolo dell’ex-chiesa di Santa Chiara.

Al Museo Nazionale di Ravenna è esposto al primo piano un arredo ligneo settecentesco da farmacia acquistato agli inizi del ‘900 e appartenente alla Farmacia detta “De’ Mori” situata in via Mazzini, nei locali un tempo di proprietà dei monaci di Classe in Città. Il mobile da farmacia databile agli ultimi anni del sec. XVIII ci è pervenuto in condizioni di quasi totale completezza e fu esposto dopo il restauro e collocato vicino alla collezione dei bronzetti.

 

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 15.000,00 €

 slide
 slide

DESCRIZIONE INTERVENTO

Il progetto prevede il riallestimento delle ceramiche della collezione Classense e da farmacia.

Prenderà il via con lo spostamento dei bronzetti e la liberazione dello spazio nel corridoio antistante il mobile da farmacia. Verranno poi trasferite le ceramiche istoriate della collezione Classense dalle sale I e II, che verranno collocate lungo il corridoio, e delle ceramiche da farmacia dalle sale III e IV riposizionate sugli scaffali del mobile.

La seconda fase del lavoro prevede il trasferimento dei mobili e arredi lignei dalle attuali salette alle sale I-IV, dove già sono presenti alcuni arredi consimili (cassapanche e sedie) e il riallestimento dei bronzetti nello spazio attualmente occupato dai mobili.

L’allestimento del mobile da farmacia sarà completato esponendo alcuni oggetti attualmente in deposito che, pur non appartenendo con sicurezza alla farmacia “De Mori”, rappresentano un interessante esempio delle produzioni sette-ottocentesche legate alle attività che si svolgevano nelle farmacie.

 

 

ATTUAZIONE DEL PROGETTO 

Lotto funzionale 1

  • Revisione conservativa dei mobili lignei dell’antica Farmacia: Intervento di manutenzione e restauro conservativo del mobile dell’antica Farmacia


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 30.000,00 €

 slide

DESCRIZIONE INTERVENTO

Il progetto prevede il riallestimento delle ceramiche della collezione Classense e da farmacia.

Prenderà il via con lo spostamento dei bronzetti e la liberazione dello spazio nel corridoio antistante il mobile da farmacia. Verranno poi trasferite le ceramiche istoriate della collezione Classense dalle sale I e II, che verranno collocate lungo il corridoio, e delle ceramiche da farmacia dalle sale III e IV riposizionate sugli scaffali del mobile.

La seconda fase del lavoro prevede il trasferimento dei mobili e arredi lignei dalle attuali salette alle sale I-IV, dove già sono presenti alcuni arredi consimili (cassapanche e sedie) e il riallestimento dei bronzetti nello spazio attualmente occupato dai mobili.

L’allestimento del mobile da farmacia sarà completato esponendo alcuni oggetti attualmente in deposito che, pur non appartenendo con sicurezza alla farmacia “De Mori”, rappresentano un interessante esempio delle produzioni sette-ottocentesche legate alle attività che si svolgevano nelle farmacie.

 

ATTUAZIONE DEL PROGETTO 

Lotto funzionale 2

 

  • Progettazione e realizzazione del nuovo allestimento degli spazi espositivi antistanti la farmacia con realizzazione di nuove bacheche da esposizione per le ceramiche da farmacia 


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 40.000,00 €

 slide

DESCRIZIONE INTERVENTO

Il progetto prevede il riallestimento delle ceramiche della collezione Classense e da farmacia.

Prenderà il via con lo spostamento dei bronzetti e la liberazione dello spazio nel corridoio antistante il mobile da farmacia. Verranno poi trasferite le ceramiche istoriate della collezione Classense dalle sale I e II, che verranno collocate lungo il corridoio, e delle ceramiche da farmacia dalle sale III e IV riposizionate sugli scaffali del mobile.

La seconda fase del lavoro prevede il trasferimento dei mobili e arredi lignei dalle attuali salette alle sale I-IV, dove già sono presenti alcuni arredi consimili (cassapanche e sedie) e il riallestimento dei bronzetti nello spazio attualmente occupato dai mobili.

L’allestimento del mobile da farmacia sarà completato esponendo alcuni oggetti attualmente in deposito che, pur non appartenendo con sicurezza alla farmacia “De Mori”, rappresentano un interessante esempio delle produzioni sette-ottocentesche legate alle attività che si svolgevano nelle farmacie.

 

ATTUAZIONE DEL PROGETTO 

Lotto funzionale 3

  • Realizzazione di nuove bacheche per i bronzetti dotate di illuminazione autonoma e creazione di pedane / apparati di supporto alla mobilia.


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 30.000,00 €

 slide

DESCRIZIONE INTERVENTO

Il progetto prevede il riallestimento delle ceramiche della collezione Classense e da farmacia.

Prenderà il via con lo spostamento dei bronzetti e la liberazione dello spazio nel corridoio antistante il mobile da farmacia. Verranno poi trasferite le ceramiche istoriate della collezione Classense dalle sale I e II, che verranno collocate lungo il corridoio, e delle ceramiche da farmacia dalle sale III e IV riposizionate sugli scaffali del mobile.

La seconda fase del lavoro prevede il trasferimento dei mobili e arredi lignei dalle attuali salette alle sale I-IV, dove già sono presenti alcuni arredi consimili (cassapanche e sedie) e il riallestimento dei bronzetti nello spazio attualmente occupato dai mobili.

L’allestimento del mobile da farmacia sarà completato esponendo alcuni oggetti attualmente in deposito che, pur non appartenendo con sicurezza alla farmacia “De Mori”, rappresentano un interessante esempio delle produzioni sette-ottocentesche legate alle attività che si svolgevano nelle farmacie.

 

ATTUAZIONE DEL PROGETTO 

Lotto funzionale 1

  • Riqualificazione e adeguamento delle sale

Interventi di illuminotecnica, opere edili necessarie, ritinteggiatura dei locali e modifica del sistema di antintrusione


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 20.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Il progetto prevede il riallestimento delle ceramiche della collezione Classense e da farmacia.

Prenderà il via con lo spostamento dei bronzetti e la liberazione dello spazio nel corridoio antistante il mobile da farmacia. Verranno poi trasferite le ceramiche istoriate della collezione Classense dalle sale I e II, che verranno collocate lungo il corridoio, e delle ceramiche da farmacia dalle sale III e IV riposizionate sugli scaffali del mobile.

La seconda fase del lavoro prevede il trasferimento dei mobili e arredi lignei dalle attuali salette alle sale I-IV, dove già sono presenti alcuni arredi consimili (cassapanche e sedie) e il riallestimento dei bronzetti nello spazio attualmente occupato dai mobili.

L’allestimento del mobile da farmacia sarà completato esponendo alcuni oggetti attualmente in deposito che, pur non appartenendo con sicurezza alla farmacia “De Mori”, rappresentano un interessante esempio delle produzioni sette-ottocentesche legate alle attività che si svolgevano nelle farmacie.

 

ATTUAZIONE DEL PROGETTO 

Lotto funzionale 5

  • Divulgazione / Promozione ed editoria

 Realizzazione di nuovi apparati didattici, attività editoriale, attività di promozione e comunicazione