I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Il Museo Laboratorio della Preistoria di Vaie, situato nella palazzina seicentesca del Vecchio Municipio di Vaie (TO), è nato nel 2001 dalla collaborazione del Comune con il Centro di Archeologia Sperimentale Torino, d’intesa con la Soprintendenza Archeologica del Piemonte. Persegue lo scopo di tutelare e valorizzare le risorse del Sito Eneolitico di Vaie (insediamento del IV millennio; fra i principali ritrovamenti, le  notevoli asce in pietra verde levigata) e del patrimonio pre-protostorico della Valle di Susa.

Si configura come museo archeologico e tecnoarcheologico ed è concepito come sistema organizzato per lo studio, la ricerca e la divulgazione delle tecnologie antiche.

In generale, il Museo presenta gli aspetti fondanti della vita quotidiana nella Preistoria, quali ad esempio: il territorio, il fuoco e le abitazioni; la caccia e l’allevamento; le coltivazioni e il cibo; la filatura e la tessitura; la lavorazione della pietra, dell’osso, della ceramica, dei primi metalli. L’ambito territoriale preso in esame è quello delle risorse archeologiche di Vaie e della Valle di Susa, ma si estende a realtà ben più vaste.

 Il percorso tematico, attraverso l’ausilio di pannelli illustrativi, presenta la collezione di ricostruzioni sperimentali e calchi dei ritrovamenti, integrati da un interno di capanna neolitica e da un diorama (officina Età del Bronzo). Completa l’esposizione la collezione tattile, che arricchisce in modo significativo le esperienze dei visitatori di ogni età.

È “Museo Laboratorio” poiché offre svariati percorsi operativi, fondati sia sulla collezione tattile e sui laboratori didattici, che su studi e ricerche spesso seguiti da dimostrazioni tecnologiche.

Sul territorio, un percorso attrezzato consente di visitare il sito archeologico del “Riparo Rumiano” e altre risorse storico ambientali. Nei pressi del sito, è presente la ricostruzione sperimentale di una capanna neolitica. Dal 2015, fa parte della direzione del Museo il Centro di Archeologia Sperimentale Torino.

 

Informazioni sullo stato della conservazione

L’edificio, di ridotte dimensioni, attualmente ospita le esposizioni al primo piano, riservando la sala del piano terra alle numerose attività didattiche- divulgative.

L’impianto museale presenta oggi molte mancanze, che riguardano sia gli allestimenti sia i contenuti dell’esposizione al pubblico. Per compiere in modo adeguato le funzioni previste, sono indispensabili quadri di riferimento ampi e documentati sui periodi della preistoria e sulle prime culture del territorio, completati dalle ricostruzioni sperimentali dei relativi manufatti, da destinare all’arricchimento della collezione tattile.

Un’offerta il più possibile completa e coerente rende quindi necessario il totale rifacimento degli allestimenti, con ampia integrazione delle dotazioni e dei sistemi di comunicazione con il pubblico. Essa comprende: l’incremento dei pannelli illustrativi e delle ricostruzioni sperimentali; l’adeguamento dell’illuminazione; il coinvolgimento della sala del piano terra, che rivestirà la duplice funzione di luogo divulgativo e operativo.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Le aperture ordinarie settimanali del Museo si svolgono il sabato e la domenica. Nel corso dell’anno il museo è aperto tutti i giorni esclusivamente su prenotazione.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA CHIUSA


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Fine Lavori

COSTO COMPLESSIVO 18.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Incremento dei pannelli illustrativi e delle ricostruzioni sperimentali; adeguamento dell’illuminazione; coinvolgimento della sala del piano terra, che rivestirà la duplice funzione di luogo divulgativo e operativo.