I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

La chiesa di San Domenico è ubicata nell’omonima via a Pescia, nella zona di origine della città e fa parte di un più ampio complesso originariamente destinato a convento delle suore teatine, attualmente sede dell’Azienda Pubblica di Servizi alla Persona (A.S.P. San Domenico).

Il convento è costruito nei primi anni del ‘600, mentre la costruzione della  chiesa inizia nel 1673 che verrà ultimata in tempi rapidi, su progetto dell’ architetto e pittore pesciatino Benedetto Orsi grazie al generoso lascito della nobile Isabella Caetani. Quest'ultima aveva pagato anche il dipinto che tutt'oggi adorna l'altare maggiore ricchissimo di stucchi, raffigurante l'Estasi di san Filippo e opera di Carlo Maratti, uno dei massimi artisti del Seicento, attivo soprattutto a Roma.

La chiesa ha un chiaro impianto tardo barocco, che vede fondersi sobrietà e tipiche caratteristiche barocche, specie nella zona presbiteriale.

Informazioni sullo stato della conservazione

Attualmente è in corso di ultimazione il restauro della facciata e del portale della chiesa, che farà riscoprire alla comunità locale e non, un raro esempio di architettura barocca nel territortio della Valdinievole.

Oltre alla facciata però la chiesa necessiterebbe di opere di manutenzione straordinaria alla copertura che presenta ifiltrazioni di acqua meteorica nella sottostante soffitta che custodisce la volta della chiesa, sotto la quale è custodita la pala di Carlo Maratta precedentemente descritta.

Esternamente anche la facciata laterale avrebbe bisogno di un'opera di restauro, anche perchè è visibile il degrado e la possibilità che ci siano pericoli di sicurezza per persone e cose che trasitano nella strada sottostante.

Internamente sarebbe necessario un'opera di pulitura degli stucchi presenti nella macchina dell'altare, che contornano il Maratta, e degli altri apparati pittorici e scultorei presenti, oltre a qualche intervento di carattere strutturale per ridurre evidenti fessurazioni dell'intonaco che si protraggono anche per parte dell'interno della muratura.  Oltre a ciò si rende necessaria una ricoloritura dell'immobile secondo ricerche filologiche e sul campo e il trattamento naturale dell'originale pavimentazione in cotto.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Chiedere alla segreteria dell'istituto.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 84.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Il progetto prevede il recupero della copertura della Chiesa di San Domenico ed è un altro passo decisivo nella direzione del recupero completo dell'edificio. L'attuale stato conservativo dell'immobile è precario e presenta numerose infiltrazioni dovute ad acque meteoriche dall'alto, che rischiano di indebolire sia la delicata volta in incannicciato, sia le murate perimetrali, oltre alla parte lignea della copertura stessa. Il progetto vuole inoltre essere la naturale prosecuzione di un più ampio lavoro di recupero dell'edificio che ha visto da poco realizzati i lavori di restauro della facciata principale e del portale della Chiesa. Pertanto, il progetto mira non solo alla conservazione e alla valorizzazione dell'immobile ma ha come intento più ampio quello di rendere fruibile l'immobile non solo alle generazioni attuali e dunque alla comunità locale, ma anche alle generazioni future, affinché queste possano fruire e godere di un prezioso tesoro che il nostro territorio possiede.