I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

L’Abbazia di Farfa è uno dei complessi monumentali più importanti del Lazio: di antiche origini, presenta una stratificazione architettonica ed artistica che copre un arco di 800 anni, dal XI al XVII sec. La chiesa rinascimentale è ricca di testimonianze artistiche di grande qualità, come il grandioso Giudizio Finale di controfacciata, opera di artista fiammingo, o le decorazioni di alcune cappelle di Orazio Gentileschi.

Anche il campanile e il coro quadrato presentano un grande interesse, essendo le strutture più antiche del complesso (secc. XI- XIII). Il campanile conserva un importante ciclo di con affreschi medioevali del sec. XII, in parte ancora in situ, in parte staccati. Il coro quadrato venne decorato in epoche diverse e presenta quindi affreschi appartenenti a due fasi distinte: la fase medioevale e quella quattrocentesca. Per esigenze conservative alcuni brani degli affreschi quattrocenteschi vennero staccati e sono conservati in ambienti adiacenti insieme ai lacerti del campanile.

Informazioni sullo stato della conservazione

Gli ambienti si trovano in buone condizioni strutturali (vennero restaurati negli anni ’80), ma alcune pareti affrescate vanno revisionate e necessitano di una ripresentazione estetica generale.

Il gruppo di affreschi medioevali e rinascimentali staccato dal campanile e dal coro si trova in cattive condizioni di conservazione e richiede un restauro che preveda, ove necessario, la sostituzione dei vecchi supporti, varie fasi di consolidamento della pellicola pittorica e una ripresentazione estetica. Gli affreschi andranno anche riposizionati negli ambienti di provenienza con apposite strutture di sostegno.

Il campanile è inoltre privo di una pavimentazione calpestabile: attualmente ha una pavimentazione provvisoria in tavole di legno, inidonea al passaggio.

Negli ambienti del coro quadrato sono collocati anche numerosi manufatti lapidei di varie epoche, provenienti sia dagli ambienti descritti sia da ambienti del convento, che necessitano anch’essi di un restauro e di una adeguata ricollocazione.

 

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

La chiesa è aperta al pubblico tutti i giorni (escluso il martedì) dalle 10 alle 13 e dalle 15,30 alle 17,30 con accesso libero.

E' possibile effettuare una visita guidata che comprende anche gli ambienti conventuali; dopo la realizzazione degli interventi previsti anche il coro quadrato e il campanile potranno essere compresi nel percorso didattico.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 150.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

L’inserimento dei due edifici nel percorso museale si ritiene fondamentale per la loro importanza architettonica ed artistica e per la comprensione della storia stessa del complesso abbaziale. A tal fine è necessario un intervento di restauro conservativo e di adeguata presentazione estetica degli ambienti da musealizzare, della decorazione ad affresco e dei reperti in essi contenuti. In particolare gli affreschi medioevali e rinascimentali staccati dal campanile e dal coro, attualmente in cattive condizioni di conservazione, richiedono un restauro che preveda, ove necessario, la sostituzione dei vecchi supporti, il consolidamento della pellicola pittorica e il loro riposizionamento negli ambienti di provenienza con apposite strutture di sostegno. Indispensabile per assicurare la fruizione del campanile è inoltre la realizzazione di una pavimentazione calpestabile.