I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Titolo: Battesimo di Cristo

Autore: Giovanni Bellini (Venezia 1430 ca - 1516)

Periodo: 1501-1502

Tecnica: olio su tavola

Collocazione: altare Garzadori Chiesa di Santa Corona

Descrizione dell'opera:

La pala del Battesimo di Cristo è uno straordinario capolavoro di Giovanni Bellini. Il dipinto mostra il Cristo al centro che fissa l’osservatore con sguardo quasi di icona. Giovanni Battista versa l’acqua battesimale sul capo e a sinistra spiccano tre figure femminili con abiti dalle tonalità sgargianti, allegorie di Fede, Speranza e Carità. Oltre le spalle si apre una valle alpina, una natura silente che partecipa alla solennità della scena e che svolge un ruolo da coprotagonista.

Autore: 

Giovanni Bellini fu uno dei più grandi pittori rinascimentali e il più grande esponente dell’arte veneta quattrocentesca. Nacque, probabilmente, a Venezia intorno al 1430 ed è noto anche con il nome di Giambellino. È uno dei quattro figli di Jacopo Bellini, importante pittore veneziano della sua generazione presso il quale l’artista quasi sicuramente si formò.  Lavorò ininterrottamente per ben sessant'anni, sempre ai massimi livelli, conducendo la pittura veneziana attraverso le esperienze più diverse dalla tradizione bizantina, ai modi padovani filtrati da Andrea Mantegna, dalle lezioni di Piero della Francesca, Antonello da Messina e Albrecht Dürer, fino al tonalismo di Giorgione. Nelle sue opere Bellini seppe accogliere tutti questi stimoli dimostrando un’inesausta capacità di rinnovarsi senza tradire i valori più radicali della civiltà artistica veneziana: il colore orientale e la spiritualità bizantina. Muore a circa ottantacinque anni nel novembre 1516. La sua attività artistica spazia dal ritratto al dipinto devozionale e di soggetto sacro, a quello mitologico.

Informazioni sullo stato della conservazione

Sono presenti molti sollevamenti della pellicola pittorica in varie zone della tavola, soprattutto nella parte sinistra dell'opera e nella campitura gialla della veste della Speranza. Appaiono fessurazioni tra le tavole. L'opera necessita di un restauro completo che interessi il supporto, gli strati preparatori e la pellicola pittorica.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

La Chiesa di Santa Corona è aperta dalle 9 alle 17.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 13.000,00 €

 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

Consolidamento della pellicola pittorica e della preparazione, pulitura, ripristino delle lacune, reintegrazione pittorica e verniciatura.

La documentazione dei lavori di restauro comprende la stesura di una relazione dettagliata di tutte le fasi d'intervento e foto prima, durante e dopo restauro.