I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

La costruzione del primo nucleo fortificato è collocabile tra il 1199 e il 1202, pochi anni dopo la fondazione di Villafranca. Distrutto durante le guerre contro Mantova, fu ricostruito nel 1243 e rinforzato con torri di guardia. Nel corso del Trecento, durante la signoria di Cangrande II della Scala (1345-1355), il corpo centrale fu rinserrato da una possente cortina muraria intervallata da torri mediane e angolari e circondato da un vallo, al cui interno fu fatto deviare il corso del fiume Tione. Si provvide inoltre a collegare il castello ad un sistema difensivo ancora più ambizioso, il cosiddetto Serraglio, costituito da un muro fortificato che collegava i dintorni di Nogarole Rocca a Valeggio sul Mincio, del quale rimangono attualmente solo frammenti. Perdette in seguito la sua funzione militare e si ridusse a stazione daziaria. I primi interventi di restauro datano al 1890, anno in cui fu apposto anche l'orologio sulla torre principale. All’interno del corpo centrale, lungo il corridoio di accesso, è la piccola chiesa del Cristo Re, che ospita tre grandi tele settecentesche di G.B. Lanceni. Le decorazioni e gli stucchi della sacrestia annessa, con motivi della Passione, risalgono ai primi anni dell’Ottocento.

La torre principale o del Mastio, è oggetto di un progetto di riordino e recupero delle funzionalità per l'apertura al pubblico e alle visite guidate. Di incerta datazione ma probabilmente edificata intorno al 1243, venne fornita nel 1890, di un orologio pubblico tutt'ora funzionante.

Informazioni sullo stato della conservazione

Il castello nel suo complesso ha subito diverse attività di restauro durante tutta la sua esistenza.

In particolare si ricordano le attività che hanno riguardato la cortina muraria negli anni 1925-26. Consistenti interventi di restauro delle cortine della rocca centrale effettuate negli anni '90. Il restauro (2010-12) conservativo delle muratura del lato nord e delle contigue torri nord/est e nord/ovest, già escluse dagli interventi del 1925/26. Il restauro delle salette al piano terra e del loggiato al piano 1° nel 2007. Il restauro degli affreschi della Chiesa del Cristo e della Cantoria annessa del 2003.

Il maniero necessita tuttavia di attività continuative di restauro e di completamento dei lavori già svolti. Infatti i lavori della rocca degli anni '90 hanno riguardato solo le parti esterne, mentre gli interni sono rimasti allo stato originario o al grezzo e vanno completati per darne accesso e funzionalità. La cortina di cinta è stata suddivisa in lotti di intervento (sette lotti) per proseguire la conservazione delle murature. Un altro lotto riguarda il completamento delle sale interne al castello.

E' in procinto di approvazione dalla Soprintendenza competente, il riordino e la messa a norma della torre del Mastio la quale, ancorchè versi in buone condizioni, non è adeguata alle visite pubbliche. L'intervento ha appunto la finalità di renderla agibile e visitabile.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Allo stato attuale il castello non ha orari specifici e coordinati di apertura al pubblico. Ciò avverrà ad ultimazione dei lavori della torre del Mastio. Gli uffici tecnici comunali stanno predisponendo ulteriori progetti di restauro e finitura delle sale del castello per ampliare l'offerta e la disponiblità di aree accessibili.

Oltre alla torre principale, saranno immediatamente visitabili le sale della Chiesa del Cristo e la corte d'armi, già predisposte di installazioni con totem esplicativi e illustrativi della storia del castello e del suo funzionamento in epoca medievale.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 160.000,00 €

 slide

DESCRIZIONE INTERVENTO

Il presente intervento intende perseguire la riapertura al pubblico della torre del mastio del castello scaligero cittadino. I lavori constano nella messa a norma delle strutture delle scale, parapetti, impianto illuminazione, impianto allarme antincendio, impianti di videosorveglianza e audio, installazione di pannelli multimediali, ecc...