I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

L’ex complesso manicomiale della collina del Pionta, ad Arezzo, è sede del Dipartimento di scienze della formazione, scienze umane e della comunicazione interculturale (DSFUCI) UNISI che si sta occupando della valorizzazione e studio del ricco patrimonio archivistico e bibliografico dell’ex O.N.P, oggi conservato al piano terra della Palazzina dell’Orologio, un tempo cuore amministrativo dell’area manicomiale.

Il fondo archivistico è costituito da 1505 unità (110 m lineari) è stato censito dalla Soprintendenza archivistica per la Toscana nel 2002 e successivamente inventariato. Si tratta di documentazione sanitaria e amministrativa (cartelle cliniche, quaderni di reparto, etc.) divisa in registri, buste, quaderni, filze e schedari.

La biblioteca storica si compone di circa 2000 volumi scientifici e circa 450 di “Amena lettura” oltre fascicoli di riviste scientifiche, opuscoli e saggi rilegati in Miscellanee. All’interno della biblioteca è stato ritrovato il registro contenente l’inventario della biblioteca scientifica redatto secondo una “ripartizione per materie” fino agli anni Cinquanta, per i periodici è stata rinvenuta una rubrica a parte. Solo recentemente sono stati ritrovati alcuni volumi della Biblioteca amena, alcuni cataloghi, rubriche e registri redatti in epoche diverse.

Informazioni sullo stato della conservazione

 

L’inventario cartaceo della documentazione sanitaria, redatto e pubblicato nel 2004, necessita oggi di un lavoro archivistico che ne consenta maggiore conservazione e fruibilità interna.

 

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

L'archivio e la biblioteca sono accessibili al pubblico, per info contattare il Dipartimento di scienze della formazione, scienze umane e della comunicazione interculturale (DSFUCI) – Università degli Studi di Siena, sede ex complesso manicomiale della collina del Pionta, Arezzo.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 73.500,00 €

 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

 

  1. Interventi archivistici

L’inventario cartaceo della documentazione sanitaria, redatto e pubblicato nel 2004, necessita oggi di un lavoro archivistico che ne consenta maggiore conservazione e fruibilità interna.

Fra gli interventi necessari alla tutela delle carte e dei dati di archiviazione raccolti, si individuano:

  1. Digitalizzazione conservativa dei registri di ammissione e del movimento giornaliero dei reparti visto il precario stato di conservazione (scansione digitale di circa 200 registri tramite l’utilizzo di scanner apposito del Sistema bibliotecario di Ateneo di Siena che permetterà la consultazione della collezione dalla piattaforma Digitus solo per utenti autorizzati e responsabili del servizio)

  2. Digitalizzazione conservativa di una selezione di cartelle sanitarie, selezionata per temi di interesse di ricerca. Digitalizzazione delle cartelle cliniche delle Sezioni mentali, a partire dalla serie che contiene la documentazione più antica fino alla più recente per un totale di circa 11.000 fascicoli.

  3. Restauro dei registri (circa 150, 40x55 cm).

  4. Restauro delle piante architettoniche dell’area manicomiale e di molti disegni rinvenuti nelle carte d’archivio (1 busta e 1 scatola).

  5. Acquisto prodotti per la conservazione e archiviazione di circa 1000 disegni, fotografie e documenti cartacei.

 

  1. Interventi per la biblioteca storica

  1. Restauro biblioteca storica

  2. Spolvero e disinfestazione libri