I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

La Villa Calvanese costituisce un episodio di notevole interesse storico, in quanto documenta un tipo di "Villa" con parco diffusa tra la fine del settecento e l'inizio dell'ottocento, organizzata con architetture <> secondo gli stili considerati più idonei alla manualistica del tempo.

L'edifico, è stato inserito nel Piano di Valorizzazione approvato con delibera n°8 del 17.06.2016 del Commissario Prefettizio con i poteri del Consiglio Comunale, esso è stato notevolmente alterato nel corso dei secoli. L'impianto architettonico, tuttavia, è ben riconoscibile nel disegno della corte e nella disposizione e articolazione degli ambienti. Dall'edificio si passa, attraverso uno spazio intermedio, nel Parco retrostante che sale lungo la collinae il cui accesso e segnato da due pilastri bugnati.

Il Parco, cinto da un muro di pietra, si sviluppa per una notevole  estensione fino a raggiungere la sommità della collina. L'impianto, ancora pressochè intatto, rimanda al tipo di <> assai diffuso nel regno di Napoli già nella seconda metà del settecento.

La caratteristica di questo tipo di disegno del verde è la libera organizzazione dei tracciati e delle piantumazioni principalmente esotiche, che si organizzano oltre che intorno ad un asse di percorso, anche rispetto a piccoli edifici, casini di mole e piccoli padiglioni in stile classico e orientale.

Dopo un breve tratto con un disegno ad aiuole circolari, si svolge, in pendio, il percorso principale che serve l'intero Parco e da cui si diramano quelli minori. L'intero percorso è segnato da gradini, sedili di pietra e portali che configurano una <> confermata ulteriormente sia dal taglio irregolare delle siepi, che dal tipo e dalla disposizione delle specie arboree.

Il percorso principale termina in sommità con uno slargo dove si trova un padiglione poligonale in stile orientale. Come filtro tra il "Parco" all'inglese e la zona anteriore vi sone due interessanti episodi architettonici di gusto ottocentesco: il tempietto classico e la casina gotica. Il tempietto, in stile gotico, oggi è quasi completamente smembrato mentre da una piccola rampa a sinistra si giunge alla casetta gotica a due piani con una loggetta al piano terra.

Informazioni sullo stato della conservazione

Il Palazzo è stato oggetto di un intervento di restauro architettonico e adeguamento funzionale negli anni tra il 2007-2010 ed è in buono stato di conservazione, mentre il Parco allo stato è oggetto di un primo intervento di recupero e manutenzione, ma necessita di ulteriori lavori di restauro per restituire il bene nel suo splendore originario.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Il Palazzo Calvanese in questo momneto è possibile visitarlo solo richiesta. Per eventuali visite inviare email al segeunte indirizzo: amministrazione@pec.comune.castelsangiorgio.sa.it

 

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 300.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

il progetto che si intende attuare prevede: 1) Sistemazione ed il recupero del viale centrale fino alla sommità; 2) Sistemazione, recupero e ripristino del muro di cinta del Parco lato nord-ovest; 3) Recupero del percorso pedonale che costeggia il muro di cinta del parco lato nord-ovest e parte lato est, mediante il rifacimento dei gradini in pietra e del battuto del calpestio; 4)Potatura, pulizia dei rami secchi, sfoltimento della chioma e abbattimento degli esemplari a fine ciclo vegetativo, e messa a dimora di altre piante simili (Quercus ilex).Attualmente il Parco è interessato già da lavori di recupero e restauro della Casina Gotica, del Tempietto classico,dei viali, del muro di cinta lato est.