I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Capolavoro e ultima opera di Andrea Palladio, il Teatro Olimpico è il teatro coperto più antico del mondo ed è stato dichiarato dall'UNESCO Patrimonio Mondiale dell'Umanità.

Il Teatro fu commissionato a Palladio nel febbraio 1580 dall'Accademia Olimpica, congregazione d’importanti personalità vicentine nell’ambito delle lettere, scienze ed arti, di cui lo stesso architetto era socio. Il progetto si ispirava al modello di teatro "all'antica", sulla scia della riscoperta rinascimentale degli studi di Vitruvio, e nel contempo fungeva da luogo autocelebrativo per l'aristocrazia vicentina, ispirandosi agli stessi ideali classici sostenuti dai componenti dell'Accademia.

La costruzione iniziò nel maggio del 1580 ma Palladio non ne vide la realizzazione, a causa della sua morte improvvisa. L'Olimpico, dopo varie e complesse vicende, fu completato cinque anni più tardi e fu solennemente inaugurato il 3 marzo 1585 con la memorabile messa in scena dell'Edipo Tiranno di Sofocle.

All'interno di uno spazio chiuso che vuole simulare l'ambientazione all'aperto dei teatri classici, Palladio dispone una monumentale scenafronte fiancheggiata da due ali o versure e una cavea semiellittica di tredici gradoni, conclusa alla sommità da un'esedra a colonne, in parte aperta in parte a nicchie entro muro. Nei tabernacoli e sui plinti della struttura architettonica sono collocate le statue degli Accademici committenti del Teatro, abbigliati all'antica. Nell'ordine più alto una serie di splendidi bassorilievi raffiguranti Storie di Ercole, di Ruggero Bascapè.

Al di là delle tre aperture della scenafronte si staccano le prospettive lignee raffiguranti le vie di Tebe, realizzate da Vincenzo Scamozzi per lo spettacolo inaugurale dell'Edipo e divenute fisse e immutabili nel tempo.

Al Teatro si giunge attraverso l'Odeo e antiodeo, due ampie sale realizzate da Vincenzo Scamozzi e decorate rispettivamente da affreschi di Francesco Maffei raffiguranti divinità e figure allegoriche (1637 circa) e da un fregio monocromo (1595 circa), riproducente allestimenti teatrali curati dall'Accademia prima della costruzione dell'Olimpico (Amor costante, Sofonisba) e spettacoli o manifestazioni ospitate all'interno del nuovo teatro (Edipo Re, Ambasceria dei legati giapponesi).

 

Informazioni sullo stato della conservazione

Il Teatro Olimpico è rimasto praticamente intatto a partire dalla sua costruzione nonostante la delicatezza e la fragilità della struttura, prevalentemente realizzata in materiali poveri quali legno, stucco e gesso.

Durante la seconda guerra mondiale le scene scamozziane furono smontate e pose in luogo sicuro e furono riposizionate nel 1948.

Nel corso dei restauri del 1959-60 venne ricavata sotto la gradinata della cavea una nuova galleria di distribuzione con annessi servizi e si praticarono alle estremità della base della cavea due aperture di accesso.

Ulteriori interventi conservativi sono stati compiuti nell’ultimo decennio del novecento. Negli ultimi anni si è provveduto inoltre alla messa in sicurezza del teatro con opere di adeguamento antincendio. E’ in corso la realizzazione del nuovo impianto di illuminazione esterno del giardino del teatro con tecnologia a risparmio energetico.  

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Orario Invernale dal 1 settembre al 30 giugno

da martedì a domenica, dalle 9 alle 17

 

Orario Estivo dal 1 luglio al 31 agosto

da martedì a domenica, dalle 10 alle 18

 

Chiusure: Il Teatro Olimpico è chiuso tutti i lunedì, il 25 dicembre e il 1° gennaio.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 80.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

La Torre Coxina necessita, oltre che una serie di interventi di minima, un'opera di restauro completo che restituisca alla città uno spazio attualmente inagibile. La torre necessita di vari interventi: la pulizia e disinfestazione dalla presenza di volatili per il deposito di guano, la sistemazione dei solai interpiano, l’assestamento strutturale della scala interna, la manutenzione con impermeabilizzazione della terrazza di copertura, la realizzazione di un impianto di illuminazione e la sostituzione serramento in legno di accesso alla copertura.


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 20.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

L’area del giardino del Teatro Olimpico, parte integrante del complesso monumentale, è diventato negli ultimi anni un luogo dedicato ad ospitare diversi eventi culturali pubblici e privati. Il progetto prevede la risistemazione degli spazi del giardino, con la manutenzione straordinaria delle aiuole e delle alberature che abbelliscono il giardino, nonché il riposizionamento degli elementi storico-artistici(statue, resti archeologici) anche in funzione del nuovo impianto di illuminazione esterno del giardino. Tale intervento consentirà di riprogettare lo “scenario” di questo particolare ambiente valorizzando maggiormente degli elementi architettonici e artistici presenti.


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 85.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Il Teatro Olimpico ospita numerosi spettacoli di risonanza nazionale e internazionale. L’area dei camerini riservata agli artisti necessita di alcuni interventi per potenziare l'impianto idraulico, sostituire i sanitari e ritinteggiare le murature. L’intervento consentirà di offrire agli artisti un ambiente adeguato al livello del prestigio del teatro, fornito di servizi essenziali per le loro esigenze, prima e dopo gli spettacoli.


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 7.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

La Torre Coxina è un’importante struttura difensiva del duecentesco castello di San Pietro, inglobata nel complesso Palazzo Territorio. L’intervento di minima, a differenza del restauro completo, prevede solo la riparazione del tetto per infiltrazioni, la bonifica igienica da guano e il rifacimento della scala interna e dell’impianto elettrico.