I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Il caseggiato della scuola primaria “Sacro Cuore”, progettato nel 1890 dall'ingegnere algherese Sebastiano Urtis è censito come importante monumento storico cittadino. Abbellito da un giardino recintato da una cancellata in ferro battuto, costituisce un interessante esempio di architettura eclettica di influsso neoclassico, secondo gli stilemi importati dalla Liguria e dal Piemonte alla fine dell'800. L'edificio si inserisce nell'ambito della rigorosa politica urbanistica di fine secolo, che tracciò le direttrici di crescita della città in un quadro armonioso e rispettoso del paesaggio e dell'ambiente.

L’edificio di indiscusso valore architettonico è da diversi anni oggetto di ricerche e attività espositive legate al progetto Monumenti Aperti.

L’edificio costituito da un piano terra ed un primo piano è circondato da un giardino con piante di varie specie. Le aule sono spaziose e luminose e pertanto adatte all’uso scolastico. Oltre le sei aule destinate alla didattica,  nello stabile sono presenti ulteriori otto aule, cinque al piano superiore e tre al piano terra, destinate rispettivamente a: laboratorio multimediale, laboratorio di lingua straniera, laboratori di arte, musica, LIM e le tre del piano terra al Centro di lettura per l’Infanzia Antonio Era e all’attività motoria.

Informazioni sullo stato della conservazione

L’antico edificio essendo sin dalla sua edificazione sempre utilizzato come scuola primaria è stato negli anni passati oggetto di diversi interventi di manutenzione straordinaria e adeguamento alle norme di sicurezza e prevenzione incendi. In particolare gli interventi realizzati hanno riguardato: gli impianti termico ed elettrico, per adeguamento alle norme di prevenzione incendi; la sostituzione degli infissi esterni, rifacimento delle linee interne di distribuzione dell’impianto termico e sostituzione del serbatoio del combustibile, adeguamento dei servizi igienici e rifacimento delle pavimentazioni degli androni; la realizzazione di un'ulteriore via di esodo sulla Via Lo Frasso, in corrispondenza della scala interna antincendio.

L’edificio necessita tuttavia di ulteriori interventi di manutenzione straordinaria quali il rifacimento del manto di copertura, previa verifica della struttura portante lignea del tetto e eventuale sostituzione di elementi portanti ammalorati a seguito delle infiltrazioni di umidità, la revisione e manutenzione dei canali di gronda, la sostituzione dei pluviali di scolo acque meteoriche; il rifacimento della storica recinzione perimetrale in ferro che delimita il giardino circostante;  il rifacimento degli intonaci e la ritinteggiatura delle facciate esterne.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

L’immobile destinato sin dalla sua edificazione a scuola elementare, oggi scuola primaria, rispetta i calendari scolastici d’apertura.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Procedure di Gara

COSTO COMPLESSIVO 210.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

L’edificio necessita di diversi interventi di manutenzione straordinaria fra i quali: il rifacimento del manto di copertura previa verifica della struttura portante lignea del tetto e eventuale sostituzione di elementi portanti ammalorati a seguito delle infiltrazioni di umidità; la revisione e manutenzione dei canali di gronda; la sostituzione dei pluviali di scolo delle acque meteoriche; il rifacimento degli intonaci e la tinteggiatura delle facciate esterne. Con il finanziamento della Regione Autonoma della Sardegna, saranno realizzate parte delle suddette opere e il rifacimento della storica recinzione perimetrale in ferro che delimita il giardino circostante.