I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i. L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Valerio Castello (Genova 1624 – 1659) è stato uno dei massimi esponenti della pittura barocca genovese. La sua vasta cultura pittorica e il suo enorme talento influenzarono con forza – pur nella breve vita – tutto l’ambiente cittadino e contribuirono alla formazione di pittori poi fondamentali nella seconda metà del sec. XVII, quali Domenico Piola e Stefano Magnasco.

Gli affreschi oggetto del progetto di restauro, strappati dal palazzo Doria-Neymours in piazza San Matteo, dopo le distruzioni della seconda guerra mondiale, e databili all’incirca al 1650,  costituiscono un unicum in quanto esposti in un museo, il che consente al visitatore di apprezzare da vicino l’enorme maestrìa dell’artista, la fluidità della pennellata, l’equilibrio di forme e colori, il movimento, tipico delle sue composizioni, organizzato spesso per sinuose linee oblique.

Il progetto affronta i problemi di restauro e messa in valore dei preziosi affreschi staccati – anni ’50 del secolo scorso - dalla piccola  cappella  decorata  da  Valerio Castello  e ricollocati su una nuova struttura situata nel Museo di S. Agostino, composta da una volta, due sottarchi e due lunette; la decorazione mancante è stata sostituita da una campitura bianca.

Informazioni sullo stato della conservazione

Stato di conservazione e note di restauro

La superficie ha zone macchiate e sporche, tali da non escludere la presenza di fissativi  e collanti utilizzati per l’operazione  di stacco.

La pellicola pittorica è  abbastanza lacunosa, ad eccezione delle lunette dove comunque sono presenti lacune e vecchie reintegrazioni degradate: il  dipinto appare, nel suo complesso, mancante di definizione e nitidezza.

Vi sono crepe stuccate e non reintegrate che  dovranno essere rimosse e rifatte se risulteranno non idonee alla nuova reintegrazione.

Si propone inoltre di effettuare una revisione dei bordi dei frammenti dove  sono stati  scontornati dal bianco ed un’eventuale sostituzione del medesimo, troppo “freddo”, con  una  colorazione  più adeguata alla tonalità del dipinto.                          

L’intervento dovrà essere preceduto da tutte le indagini diagnostiche che accertino la natura dei materiali usati per lo stacco, le ridipinture e i pigmenti originali.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Orari

ORARIO INVERNALE (novembre - marzo)
da martedì a venerdì 9-18.30;
sabato e domenica 9.30-18.30;
lunedì chiuso

ORARIO ESTIVO (aprile - ottobre)
da martedì a venerdì 9-19;
sabato e domenica 10-19.30;
lunedì chiuso

Biglietteria

Intero € 5,00
Ridotto € 3,00 (ultra 65 anni, convenzionati, gruppi minimo 15 persone, disabili)
Gratuito : under 18,  residenti comune GE (solo la domenica); accompagnatori gruppi, accompagnatori scolaresche, accompagnatori disabili, possessori Card Genova Musei

Destinazione delle erogazioni liberali

RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Lavori in corso

COSTO COMPLESSIVO 5,000.00 €

Restauro della scena centrale del voltino con l’Assunzione della Vergine, e delle scene con la Decollazione di San Giovanni Battista e il Martirio di San Lorenzo; ridipintura con tono appropriato di tutto il fondo della cappella.