I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i. L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

La Pinacoteca costituisce la casa museo del pittore Gigetto Novaro (1901-1982) nato a Spotorno,che donò la propria abitazione al Comune allo scopo di destinarlo a spazio espositivo delle proprie opere.La struttura oggi deve essere sistemata in modo da consentire una apertura continuativa al pubblico ma soprattutto il Comune intende adeguarla alle disposizioni espositive sulle case-museo elaborate dall'ICOM.

Oggi sono visitabili il salone e lo studio,dove ancora si conservano cappe, tavolozze,cavalletti e soprattuo pannelli con una mostra permanente sulla famiglia e sulla vita di Gigetto Novaro.

Egli lavorò a lungo in Etiopia ed Eritrea ,dove ebbe anche commssioni di lavoro dal governo del Negus (Palazzo delle Poste e Telecomunicazioni di Addis Abeba) ma soprattutto la sua pittura assume questa duplice veste:da un lato la descrizione della vita africana e dei tentativi di colonizzazione italiani con la visione di una luce abbagliante in una terra arida e difficile e una Liguria forse meno luminosa ma altrettanto arida e difficile da coltivare.

Gigetto Novaro fu anche ceramista ed organizzatore oltre ad avere aderito pur con sfumature personali al movimento futurista.

Egli infatti organizzò il Premio Bagutta di Spotorno nel 1938 che nelle prime due edizioni ebbe proprio il patrocinio di Filippo Marinetti.

Attualmente sono in corso gli interventi di riordino delle collezioni pittoriche nonche' dell'archivio dell'artista in modo da poter individuare ciò che riguarda direttamente e personalmente il suo originale percorso artistico dalle riviste e dai cataloghi di altri artisti che lo invitavano a proprie esposizioni.

All'interno della Pinacoteca il Comune intende in prospettiva esporre a rotazione con mostre tematiche opere delle collezioni comunali o di altri autori.

Informazioni sullo stato della conservazione

La villa necessita di alcuni interventi di carattere urgente per renderla accessibile al pubblico in forma permanente:

a) adeguamento antincendio e accesso disabili;

b) creazione dell'archivio del pittore;

c) creazione del deposito delle opere non esposte;

d) riduzione dell'umidità presente con semplici deumidificatori

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Attualmente la Pinacoteca non è aperta al pubblico.In essa operano insieme al comune i volontari dell'associazione Pontorno, che hanno già compiuto lavori di riordino .In prospettiva appena possibile essa sarà aperta al pubblico con orari diversificati nel periodo invernale ed estivo e con la possibilità di effettuarvi manifestazioni culturali.l'apertura sarà garantita dai volontari dell'Associazione Pontorno

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 100.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

necessità di adeguamento antincendio e accessibilità disabili.Riduzione fattori di umidità e creazione deposito e archivio