I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i. L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Piazza San Michele è una piazza di Lucca, oggi principale punto d'incontro dei lucchesi. È anche soprannominata piazza delle Catene a causa della tipica delimitazione della piazza mediante colonnine unite da pesanti catene.La piazza corrisponde all'antico forum della città romana, ed è tangente al decumano, costituito dalla direttrice Ovest-Est di Via San Paolino, Via Roma e Via Santa Croce e non lontano dal cardo in direzione Nord-Sud di Via Fillungo e Via Cenami. La piazza è circondata da costruzioni d'epoca Medioevale facilmente riconoscibili dall'architettura con archi a tutto sesto o a sesto acuto, paramento in mattoni e finestre polifore. Vi sono inoltre imponenti palazzi come Palazzo Gigli, costruito nel 1529 su abitazioni medioevali e il Palazzo Pretorio (o Palazzo del Podestà) del 1492. Esso sorge all'angolo con via Vittorio Veneto e ospita sotto le sue logge una statua bronzea di Matteo Civitali opera di Arnaldo Fazzi. Le logge di Palazzo Pretorio sono spesso sede di manifestazioni e incontri a carattere artistico ed enogastronomico. Sulla piazza prospettano anche edifici pesantemente ristrutturati o completamente rifatti in presunto stile antico nel XX secolo. La pavimentazione di piazza San Michele fu lastricata con mattoni a spina di pesce per la prima volta quando nel Quattrocento vi fu costruito il Palazzo Pretorio. Successivamente nel Settecento fu rialzata con quadroni di pietra grigia e delimitata da colonnine con catene. Nel 1863 in onore di Francesco Burlamacchi fu collocata al centro della piazza la statua realizzata dallo scultore Ulisse Cambi. La piazza ospita la magnifica chiesa romanica di San Michele in Foro dalla bianca facciata calcarea.

Informazioni sullo stato della conservazione

Il lastricato di Piazza San Michele si presenta parzialmente deteriorato, con alcune pietre degradate o rotte, in più si presentano degli avvallamenti dovuti a cedimenti del sottofondo.Si prevede quindi la sostituzione delle pietre danneggiate e la rilavorazione delle pietre riutilizzabili, oltre che il riposizionamento su malta di calce a quota delle parti che hanno subito cedimenti.E' inoltre prevista la pulitura degli scalini e dei colonnini in calcare e l'interramento delle centraline e delle linee  elettriche presenti nella piazza. 

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Piazza San Michele è sempre aperta e fruibile dai cittadini.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 275.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Il lastricato di Piazza San Michele si presenta parzialmente deteriorato, con alcune pietre degradate o rotte, in più si presentano degli avvallamenti dovuti a cedimenti del sottofondo.Si prevede quindi la sostituzione delle pietre danneggiate e la rilavorazione delle pietre riutilizzabili, oltre che il riposizionamento su malta di calce a quota delle parti che hanno subito cedimenti.E' inoltre prevista la pulitura degli scalini e dei colonnini in calcare e l'interramento delle centraline e delle linee elettriche presenti nella piazza.