I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i. L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Il Palazzo Vaccari è stato inaugurato il 26.12.1876. I lavori, costituiti in un unico stralcio, sono stati eseguiti dall’impresa Narduzzo Busolli. L’edificio è diventato elemento caratterizzante del centro cittadino. Il Palazzo Vaccari fu sede scolastica e sede municipale fino al 1950. Situazione mista in cui il corpo centrale mantenne i caratteri amministrativi e i due corpi laterali accolsero l’attività educativa di scuola Negli anni a seguire l’intero fabbricato ebbe esclusivamente destinazione scolastica senza variarne l’impianto planimetrico o di facciata. Nel tempo si sono effettuate alcune variazioni puntuali ai fori e alcune finestre sono state trasformate in porte. Le modifiche hanno riguardato anche i fori del lato corto ovest e le pareti risultanti dal maggior spessore del corpo centrale rispetto alle ali. In epoca successiva, a cavallo del 1930, nel cortile retrostante, lungo il “vicolo Municipio”,si realizzò un edificio caratterizzato da elementi decorativi che denotano con chiarezza il periodo di costruzione. I due corpi laterali sono stati sicuramente costruiti in tempi successivi a quello centrale, databile intorno agli anni 1940/50, delineando così un nuovo profilo di delimitazione del cortile della scuola verso l’abitato vicino. Il corpo centrale ospitava la palestra della scuola, mentre i due corpi laterali venivano occupati in parte da magazzini e in parte da laboratori correlati. Il bordo verso piazza Vittorio Emanuele II era, ad inizio ‘900, delimitato da paracarri, mentre dei filari alberati arredavano la piazza. Successivamente, intorno agli anni ’20, una recinzione con sovrastante ringhiera in ferro ha ridefinito il fronte e liberato l’area dalla vegetazione arborea, lasciando spazio alla tranvia e fermata dei servizi pubblici ciç fino agli anni ‘40/50. L’attuale sistemazione vede la preponderante invadenza di esigenze dovute alla mobilità veicolare e pubblica.

Informazioni sullo stato della conservazione

Da tempo il Palazzo risulta essere inutilizzato, senza la buona pratica di adeguati interventi manutentivi.

Lo stato di conservazione del fabbricato può considerarsi buono per la parte strutturale e mediocre, con notevoli degradi dei materiali, soprattutto negli spazi interni.

L’utilizzo scolastico ha comportato ripetuti interventi di adeguamento degli spazi e dei materiali di finitura, compromettendo largamente i materiali originali.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Il Palazzo Vaccari non è attualmente fruibile a causa dello stato di degrado. Lo sarà a completamento del previsto intervento di recupero e valorizzazione.

Destinazione delle erogazioni liberali

RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Lavori in corso

COSTO COMPLESSIVO 4,005,000.00 €

Intervento prevede la Ristrutturazione del “Palazzo Vaccari” sito in Piazza Vittorio Emanuele II con l’obiettivo generale di riportare la sede municipale del Comune di Pieve di Soligo all’interno dello stesso, recuperando anche gli edifici a sud del Palazzo e rivitalizzando la Piazza Vittorio Emanuele II. Attualmente risulta approvato un Progetto Preliminare che prevede l’esecuzione dell’opera per stralci funzionali, secondo il seguente schema: - il primo stralcio funzionale viene definito nell’esecuzione delle opere di: - adeguamento strutturale e sismico di Palazzo Vaccari; - finitura della copertura di Palazzo Vaccari; - demolizioni all’interno di Palazzo Vaccari, funzionali al progetto complessivo; - integrazioni alle murature in laterizio e c.a. all’interno di Palazzo Vaccari, funzionali al progetto complessivo; - finitura dell’androne centrale, al piano terra, di Palazzo Vaccari. - il secondo stralcio funzionale viene definito nell’esecuzione delle opere di: - interventi sulle facciate esterne e su quota parte dei serramenti esterni di Palazzo Vaccari. - il terzo stralcio funzionale viene definito nell’esecuzione delle opere di completamento delle finiture di Palazzo Vaccari, composte da: - opere civili di finitura di Palazzo Vaccari; - impianti elettrici e speciali di Palazzo Vaccari; - impianti meccanici di Palazzo Vaccari; - quota parte delle sistemazioni esterne di Palazzo Vaccari. - il quarto stralcio funzionale viene definito nell’esecuzione delle seguenti opere: - realizzazione dell’archivio comunale con relative opere strutturali, edili e di finitura edile; - impianti elettrici e speciali dell’archivio comunale; - impianti meccanici dell’archivio comunale; - completamento delle opere esterne di Palazzo Vaccari ed archivio comunale.