I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i. L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Palazzo Te è uno dei più straordinari esempi di villa rinascimentale suburbana manierista. L’intero complesso, decorato tra il 1525 e il 1535, fu ideato e realizzato da Giulio Romano per Federico II Gonzaga come luogo destinato all'ozio del principe e ai fastosi ricevimenti. La struttura architettonica dell'edificio, capolavoro dell’architettura manierista, è organizzata intorno a due grandi cortili: il Cortile d’Onore e il Cortile dell’Esedra. In origine il Palazzo esternamente era forse anche dipinto, ma i colori sono scomparsi e le pitture sono visibili solo negli affreschi delle preziose stanze interne. Le sale del pianterreno, anticamente destinate ad accogliere gli appartamenti di Federico Gonzaga e dei suoi ospiti, conservano preziose decorazioni ad affresco e a stucco. L’intera decorazione degli ambienti fu realizzata su progetto di Giulio Romano che ideò non solo la struttura architettonica dell’edificio, ma anche gli splendidi cicli decorativi, i camini, i soffitti, i pavimenti, curandone ogni dettaglio per poi affidarne l’esecuzione a una serie di qualificati collaboratori. Veri gioielli dell’arte manierista sono la Camera di Amore e Psiche e la Camera dei Giganti. In un luogo appartato del complesso, si apre l'Appartamento del Giardino Segreto, detto anche della Grotta, luogo privato di contemplazione e di riposo, ornato da dipinti e rilievi allusivi alla cultura e alle virtù del mondo classico.

Informazioni sullo stato della conservazione

Gli interventi di recupero che hanno coinvolto il Palazzo negli ultimi anni hanno affrontato gli importanti temi della tutela e della conservazione. L'emergenza conservativa oggi è costituita dal fronte del palazzo che si specchia sulla superficie dell'acqua delle Peschiere, ultimo passaggio decisivo per il presente e per il futuro di Palazzo Te. Si tratta di una serie importante e numerosa di interventi finalizzati tutti a restituire il capolavoro di Giulio Romano al meglio della conservazione e della visibilità, per offrire al visitatore l'opportunità di vivere un'esperienza culturale unica e irripetibile, all'altezza dell'importanza internazionale del palazzo, splendore del Manierismo.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Palazzo Te è aperto al pubblico:

dal martedì alla domenica dalle 9.00 alle 18.00

lunedì dalle 13.00 alle 18.00

lunedì di Pasqua dalle 9.00 alle 18.00

Chiusura: 25 dicembre

Ingresso a pagamento

 

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 800.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Consolidamento e rifacimento intonaci della facciata monumentale volta ad est di Palazzo Te