I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i. L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Le opere oggetto d’intervento di restauro sono:

Scalone Monumentale - due erme in pietra che decorano le nicchie dello scalone.

Decorazioni del Vestibolo - si tratta dell'ambiente aperto sulla scala del palazzo Ducale, ove vi è una decorazione a trompe d’oeil che raccorda lo scalone con l’ingresso delle sale del piano nobile. Lo spazio è frutto dei lavori di Petitot della fine degli anni Sessanta del XVIII secolo, le pitture ornamentali di pareti e volte, databili tra fine Settecento e primi Ottocento, presentano un valore soprattutto decorativo più che artistico, ma conferiscono all'ambiente un tono aulico e celebrativo.

Decorazioni della Sala degli Uccelli - opera del 1766 di Benigno Bossi, (1727-1792), importante artista presso la corte borbonica parmense, il quale realizza a Palazzo Ducale la volta a botte del grande salone centrale (detto Sala degli Uccelli). Vi raffigura con stuccature ad altorilievo oltre duecento uccelli in volo, in diverse posizioni, fuoriuscenti da medaglioni, contornati da una corona di fiori inserita su fondo blu, e racchiusa, a sua volta, da un’incorniciatura ottagonale a risalti, che si alternano a un piccolo inserto romboidale campito da conchiglie in modo da formare un fiore bronzeo quadrilobato.

Affreschi della Sala Aetas Felicior  (o "Sala del Bacio") - uno degli ambienti più belli del palazzo, affrescata da Jacopo Zanguidi detto il Bertoja (1544-1574) fra il 1570 e il 1573 con scene mitologiche, dove l’ispirazione proviene dall’ “Orlando Innamorato” del Boiardo, celebre testo della letteratura cavalleresca rinascimentale, premessa letteraria al capolavoro dell’Ariosto. La sala prende il nome dall'iscrizione in latino Aetas Felicior (età dell’oro) che campeggia su una cornice che corre lungo il soffitto. È chiamata anche "del Bacio" per la scena della danza con il particolare del bacio che s’intravede fra colonne trasparenti di cristallo, creazione tipica del tardo manierismo, dove lo spazio è sfruttato come strumento d’illusione naturalistica.

Informazioni sullo stato della conservazione

Le due teste in pietra che decorano le nicchie dello scalone sono molto degradate a causa di depositi atmosferici inquinanti. Nel vestibolo eventi calamitosi come i terremoti hanno creato alcune lesioni nelle murature che hanno dato per conseguenza sollevamenti e distacchi nell’intonaco murario.  Nella Sala degli Uccelli vi sono alcune lesioni nelle due lunette stuccate e dipinte che coronano la volta, mentre nella Sala del Bacio il dipinto e gli stipiti hanno subito danni da urti che necessitano di consolidamenti.

Nel vestibolo così come nelle due sale vi sono alcune lesioni nelle murature che hanno dato per conseguenza sollevamenti e distacchi dell'intonaco.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Il Palazzo Ducale attualmente è sede dell'Arma dei Carabinieri ed è attualmente chiuso al pubblico per motivi di sicurezza.

Destinazione delle erogazioni liberali

RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 11,590.00 €

Le erme dello scalone devono essere pulite e rimossi gli agenti inquinanti. Nel vestibolo è necessaria una messa in sicurezza delle fermature provvisorie in stucco ed operazioni di consolidamento nei distacchi tra intonaco e muro. Il riquadro al centro della volta ha un esteso fenomeno di cadute di colore, per le quali è necessario un fissativo e consolidamento dell’intonaco. Nella sala del Bacio il dipinto e gli stipiti hanno subito danni da urti da consolidare per evitare sgretolamenti tramite resina acrilica; nella sala degli Uccelli ci sono diverse lesioni da consolidare e integrare con malte tra intonaco e muro.