I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i. L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Trattasi di Palazzo Ducale, uno dei monumenti più noti e più  amati di Venezia, vero gioiello dell'architettura, visibile nella sua bellezza sia da Piazza San Marco che dal bacino.

E' uno dei luoghi simbolo della città, già sede del Doge e delle Magistrature statali, rappresentazione della civiltà veneziana. Capolavoro gotico, superbamente decorato al suo interno da famosi artisti (Tiziano, Tiepolo…). Il palazzo è facilmente  visibile sia per la sua texture parietale sia per le guglie e i pinnacoli che ne contraddistinguono la parte sommitale.

Informazioni sullo stato della conservazione

Negli anni sono stati eseguiti interventi di messa in sicurezza sia dei pinnacoli che delle guglie. Il materiale lapideo è stato soggetto alle intemperie e allo scorrere del tempo. Risulta necessario verificare costantemente il loro stato di salute.

Oggi risultano imbragati da una rete di trattenuta. Si interverrà mediante la verifica degli ancoraggi, degli arpesi, delle piombature, nonché mediante la rimozione di eventuali stuccature incongrue in cemento o la presenza di elementi di ferro da rimuovere per la pericolosa produzione di ruggine. Si prevedono, ove possibile, l'integrazione delle parti mancanti o decoese e interventi di consolidamento.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

dalle ore 8.30 alle ore 17.00

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 800.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Si interverrà mediante la verifica degli ancoraggi, degli arpesi, delle piombature, nonché mediante la rimozione di eventuali stuccature incongrue in cemento o la presenza di elementi di ferro da rimuovere per la pericolosa produzione di ruggine. Si prevedeono ove possibile, l'integrazione delle parti mancanti o decoese e interventi di consolidamento.