I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i. L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

La costruzione, completata nel 1831, ha una caratteristica forma cilindrica, ispirata al Pantheon di Roma. Sottoposta a vincolo dalla Soprintendenza, costituisce un raro esempio di architettura neoclassica, caratterizzata da un forte impianto prospettico e dal disegno rigoroso delle campiture cromatiche e dei contorni geometrici.

Informazioni sullo stato della conservazione

Sono necessari interventi di manutenzione e restauro per controllo e il ripristino del manto di copertura della cupola, il restauro completo degli apparati decorativi interni della cupola e delle pareti perimetrali, l’adeguamento/sostituzione dei serramenti vetrati, il ripristino del manto impermeabile della pavimentazione degli stilobati e del primo ordine del Tempio, la pulizia e il ripristino degli elementi lapidei a conci delle facciate esterne, queste ultime limitatamente alla fascia sino a mt. 3.50 dal piano stradale, e la pulitura dei gruppi scultorei esterni.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Apertura quotidiana.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 1.500.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Manutenzione straordinaria e restauro conservativo del Tempio della Gran Madre di Dio per il controllo e il ripristino del manto di copertura della cupola, il restauro completo degli apparati decorativi interni della cupola e delle pareti perimetrali, l’adeguamento/sostituzione dei serramenti vetrati, il ripristino del manto impermeabile della pavimentazione degli stilobati e del primo ordine del Tempio, la pulizia e il ripristino degli elementi lapidei a conci delle facciate esterne, queste ultime limitatamente alla fascia sino a mt. 3.50 dal piano stradale, e la pulitura dei gruppi scultorei esterni. Tutti gli interventi sono comprensivi delle opere provvisionali e degli oneri della sicurezza annessi.