I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i. L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

COSTITUISCE UNA DELLE PIU' ANTICHE FONTI PUBBLICHE DELLA CITTA' DI TOLENTINO, POSTA SUBITO FUORI L'ANTICA CINTA MURARIA, NON LONTANTO DALLA ATTUALE PORTA DEI CAPPUCCINI. NON SI CONOSCE L'EPOCA DI REALIZZAZIONE MA DOCUMENTI DEL XV SECOLO CI TESTIMONIANO L'ESECUZIONE DI INTERVENTI DI MANUTENZIONE DA PARTE DELLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI CHE SI SONO SUCCEDUTE.

Informazioni sullo stato della conservazione

IL MANUFATTO CONSTA DI UN BLOCCO RETTANGOLARE IN LATERIZIO, AD UN SOLO PIANO, CON QUATTRO FORNICI A TUTTO SESTO CHE SI APRONO SUL LATO LUNGO CHE DA SULLA VIA PRINCIPALE. L'INTERNO, OCCUPATO DA TRE VASCHE, E' COPERTO DA UNA VOLTA A BOTTE, A TUTTO SESTO, CON LA PARTE SUPERIORE CHE PRESENTA UNA COPERTURA PIANA RIVESTITA DI SEMPLICI PIANELLE IN COTTO, CON I BORDI A GRADONI. SULLA COPERTURA,  DA TEMPO IMMEMORABILE, SI E' ACCUMULATO UNO STRATO DI TERRUME RICOPERTO DA VEGETAZIONE. ATTUALMENTE LA FONTE NON RISULTA PIU' ALIMENTATA ANCHE SE LE CONDUTTURE SONO ANCORA ESISTENTI.

L'INTERVENTO, DI RESTAURO CONSERVATIVO, HA INTESO CONTRASTARE I CONSISTENTI FENOMENI DI DEGRADO E DISSESTO IN CORSO PROPONENDOSI DI NON ALTERARE, SE NON MINIMAMENTE, L'ASPETTO DEL MANUFATTO. SONO STATI INFATTI ESEGUITI, OLTRE AD UNA RIPULITURA E STUCCATURA DI TUTTE LE SUPERFICI, DEI LIMITATI INTERVENTI DI CUCI E SCUCI SUI PARAMENTI MURARI, MIRATI A CONSOLIDARE IL MANUFATTO SOLO NELLE PARTI MAGGIORMENTE DANNEGGIATE. SONO STATI APPOSTI INOLTRE DEI TIRANTI IN FERRO PER CONTRASTARE FENOMENI DI SPANCIAMENTO DELLA VOLTA. PER QUANTO RIGUARDA LA COPERTURA E' STATO ASPORTATO LO SPESSO STRATO DI TERRUME E SI E' PROVVEDUTO AD INSERIRE UNA GUAINA IMPERMEABILIZZANZE SOTTO LE PIANELLE CHE, DOPO ESSERE STATE SMONTATE, SONO STATE RIPOSIZIONATE. 

SI E' PROVVEDUTO, INFINE, A RIMUOVERE LE GRATE IN FERRO APPOSTE QUALCHE DECENNIO FA A TOTALE CHIUSURA DEI FORNICI; IN QUESTO MODO IL MANUFATTO HA ASSUNTO UN ASPETTO MENO TETRO E CONTESTUALMENTE E' STATO VALORIZZATO IL SEMPLICE MA ELEGANTE MOTIVO DEGLI ARCHI CHE LO CARATTERIZZA ARCHITETTONICAMENTE.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

LE FONTI SI AFFACCIANO SULLA VIA PUBBLICA (VIALE XXX GIUGNO ALL'INCROCIO CON VIA DEI CAPPUCCINI) E PERTANTO SONO SEMPRE FRUIBILI.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA CHIUSA


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Fine Lavori

COSTO COMPLESSIVO 48.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

L'intervento, di restauro conservativo, ha inteso contrastare i consistenti fenomeni di degrado e dissesto in corso proponendosi di non alterare, se non minimamente, l'aspetto del manufatto. Sono stati infatti eseguiti, oltre alla ripulitura di tutte le superfici, dei limitati interventi di cuci e scuci sugli apparecchi murari, mirati a consolidare il manufatto solo nelle parti maggiormente danneggiate. Sono stati inoltre apposti dei tiranti in ferro per contrastare fenomeni di spanciamento della volta interna. Per quanto riguarda la copertura è stato asportato lo spesso strato di terrume e si è provveduto ad inserire una guaina impermeabilizzante sotto le pianelle che, dopo essere state rimosse, sono state riposizionate. Si è provveduto, infine, a rimuovere le grate in ferro, apposte qualche decennio fa a totale chiusura dei fornici; in tal modo il manufatto ha assunto un aspetto meno tetro e contestualmente è stato valorizzato il semplice ma elegante motivo degli archi che lo caratterizza architettonicamente.