I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i. L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Situato nel centro storico medievale di Saluzzo, il Monastero dell'Annunziata venne fondato nel 1445. Ospitò dapprima le monache domenicane, quindi dal 1592 le Cistercensi.
Il complesso venne ampliato prima nel 1618 e successivamente nella seconda metà del 1700 con la costruzione del campanile e delle gallerie dell'ala lungo i "portici scuri". Dopo la soppressione degli ordini religiosi nel 1798 l'edificio venne concesso in parte come abitazione della Comunità delle Rosine, in parte come sede dell'orfanotrofio femminile o "Opera delle orfane", affidato in seguito alle Suore di San Vincenzo. Dal 1986 l'edificio ospita la Scuola di Alto Perfezionamento Musicale. La sala più importante della Scuola (Sala Verdi) corrisponde oggi al locale in cui era situata l’antica cappella del monastero di cui ha conservato l’altare maggiore con una pala dedicata all’Annunciazione. La Sala è uno spazio di 120 metri quadrati nel quale si svolgono concerti, registrazioni e convegni. L’ampia metratura della sala è ideale per accogliere 100 persone.

 

                                                                                   

 

Informazioni sullo stato della conservazione

La Sala Verdi allo stato attuale riporta una pavimentazione in moquette posata sopra un soppalco e delle pannellature di gesso forato usate come trappole acustiche per ridurre il tempo di riverberazione. La moquette posata più di 25 anni or sono, è oramai vetusta ed il soppalco su di cui poggia è reso instabile dai troppi passaggi. Alcuni pannelli in gesso, in virtù della loro fragilità, sono crepati o bucati e non contribuiscono a creare una impressione globale favorevole.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Apertura al pubblico: da lunedì a venerdì dalle 9.00 alle 18.00
e nei giorni di concerti, eventi o registrazioni.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 102.225,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

L’esigenza di restauro della Sala Verdi nasce dalla volontà di recuperare dal punto di vista estetico la sua natura originaria adeguando al contempo nel modo più opportuno la Sala ai suoi differenti utilizzi. La sala infatti, a seconda delle attività previste viene utilizzata come sala di ripresa audio, come teatro di posa, come sala conferenze per le attività culturali organizzate dalla Fondazione e naturalmente come sala concerti per eventi musicali e Masterclass internazionali. Una sala da concerti non può fare a meno di considerare l’aspetto di contesto all’interno del quale si svolge l’evento, ed in questo la Sala Verdi ha enormi potenzialità, ma necessita di un adeguata manutenzione visto che gli ultimi interventi di restauro risalgono a quasi trent'anni or sono. La Sala Verdi richiede quindi la manutenzione della pavimentazione e del materiale fonoassorbente presente alle pareti ed al soffitto. Verrà realizzato un progetto di restauro che tenga conto delle diverse attività che si svolgono all’interno della sala. Il restauro della Sala Verdi, realizzato mediante l’utilizzo di materiali di pregio, consentirà la fruizione ideale della Sala a tutte le attività in essa coinvolte, aprendola in tal modo a migliorate prospettive di utilizzo per concerti, registrazioni e rappresentazioni artistiche musicali.