I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i. L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

L’opera, firmata e datata 1512, committenza della Confraternita del Buon Gesù per la chiesa di San Floriano, presenta chiari riferimenti formali con analoghe composizioni di Perugino e Raffaello, ma lo spunto è ancora quello giorgionesco del paesaggio inteso come protagonista insieme alle figure. Ciascun luogo è abitato da figure ignare del dramma che si consuma in primo piano, intorno al corpo esanime, minuto e contratto del Cristo dai lineamenti affilati cui la morte non ha restituito serenità. Il nucleo emotivo espresso dalle figure dei dolenti si disvela per reazioni individuali che agiscono come onde d’urto che investono i personaggi, ciascuno racchiuso entro una sua individuale manifestazione del dolore. Il gesto di Maria è ampio e disperato; gli fa eco la pia donna che si strappa i capelli, mentre Maria di Cleofe si allontana piangendo. Inutilmente la bocca della Maddalena si apre al grido che ristagna in gola. Gesti di ribellione contratti come i pugni stretti di Giovanni, inutilmente nascosti sotto il mantello. La rassegnazione del vecchio Pietro con i chiodi in mano esibiti come sinistra eredità e la devozione di Giuseppe d’Arimatea e di Nicodemo che stringe tra i denti il lenzuolo funebre e accompagna fin dentro il sarcofago il corpo esanime di Gesù.

Informazioni sullo stato della conservazione

L'integrità dell'opera risulta in parte compromessa da una serie di piccoli sollevamenti della pellicola pittorica, concentrati per lo più nella zona centrale, in azzurro del cielo, appena al di sotto delle nuvole. Altri si sono evidenziati in corrispondenza delle due linee di giunzione delle assi inferiori. Le due giunzioni sono, in parte, fessurate a seguito del cedimento della linea d'incollaggio di alcuni tratti del risanamento a cunei presente sul retro.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Orario estivo (dal 3° sabato di giugno alla 3° domenica di settembre inclusi)) da martedì a domenica e festivi 10-19
Orario invernale - dal martedì alla domenica e festivi 10 - 13 / 16 – 19

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA CHIUSA


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Fine Lavori

COSTO COMPLESSIVO 19.610,76 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Per il recupero della naturale reattvità del legno del prezioso tavolato dipinto si è re-intervenuto sul retro ripristinando la continuità delle assi sostituendo i cunei che si sono scollati con nuovi elementi dello stesso tipo e facendoli riaderire con adesivo di tipo vinilico come i precedenti. La nuova struttura di contenimento ha reso meno rigida l'adesione del tavolato dipinto al proprio supporto di sostegno. E' stato applicato un nuovo telaio perimetrale arcuato anch'esso per assecondare la deformazione attuale raggiunta dalla tavola, in modo da fornire un adeguato supporto di appoggio. Il telaio è costituito da 4 traverse unite tra loro da elementi sempre in legno realizzati con la medesima tecnica.


NOTE Intervento archiviato