I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i. L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Nel centro storico di Secondigliano si erge la Chiesa parrocchiale dei Santi Cosma e Damiano, edificata – per volontà del parlamento popolare – a partire dal 1695 su una preesistente struttura di dimensioni inferiori, probabilmente risalente all’epoca di fondazione del casale (IX secolo) e ristrutturata nel XVI secolo. La facciata – preceduta da un sagrato racchiuso da una cancellata – presenta al primo ordine sei lesene con capitelli ionici, che incorniciano le nicchie con le statue dei Santi. Il portale d’ingresso, con timpano triangolare spezzato, è sormontato dallo stemma dell’Università di Secondigliano sorretto da due puttini. Nel secondo registro è presente un grande finestrone centrale affiancato, su ogni lato, da due lesene di ordine composito che sorreggono il timpano triangolare. Il vecchio campanile del Cinquecento, posto alla destra del sagrato, con ogni probabilità venne irrimediabilmente danneggiato dai terremoti del 1688 e 1694 e fu ricostruito, alla sinistra dell’ingresso, nel 1721. L’interno – restaurato tra il 1862 e il 1867 – è a unica navata con sei cappelle per lato, coperta con volta a botte affrescata da Giuseppe Simonelli nel 1705, anno di consacrazione dell’edificio. La cupola e il transetto presentano invece affreschi di Gaetano Bocchetti del 1935. Di particolare pregio sono le acquasantiere tardobarocche in marmo grigio a forma di conchiglia ondulata sostenute da volute di marmo bianco e sormontate da decorazioni policrome floreali. All’interno della sagrestia – risalente al XVIII secolo – si trova un dipinto di notevole fattura raffigurante la Deposizione, attribuito a Domenico Antonio Vaccaro (1687/1750). In questo stesso ambiente, durante il lavori seguiti al sisma del 1980, è stato scoperto un affresco del Cinquecento raffigurante Gesù che caccia i mercanti dal tempio.

Informazioni sullo stato della conservazione

La chiesa e il campanile sono in precarie condizioni di conservazione. Vi sono lesioni lungo la navata principale e il transetto della chiesa, attualmente in fase di monitoraggio strutturale, stucchi e decorazioni interni che necessitano di consolidamento, intonaci e cornici esterni ammalorati, impianto elettrico non a norma, impermeabilizzazioni degradate.

 

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

La Chiesa è aperta al culto.

Nei giorni festivi dalle 8:00 alle 14:00

Nei giorni feriali dalle 8:00 alle 20:00

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 700.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

L’intervento, da suddividere eventualmente in lotti, riguarderà il ripristino delle facciate esterne della chiesa e della torre campanaria, il ripristino delle impermeabilizzazioni, restauro e consolidamento degli stucchi e dei decori architettonici delle volte della crociera della chiesa secondo il disegno originario, dei cornicioni e dei capitelli interni, la sostituzione dei finestroni in legno deteriorati, l’adeguamento dell’impianto elettrico.