I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i. L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Si tratta di 43 carte geografiche calcografiche colorate a mano provenienti dall’Atlante di Gérard Mercator (1512-1594) pubblicato ad Amsterdam nel 1628, di cui si conserva anche il frontespizio. Le carte sono stampate all’interno di bifolii sulla cui faccia esterna è impresso il testo esplicativo. Si tratta della decima edizione della serie dell’atlante di Mercator cosiddetta Mercator/Hondius. Le lastre originali di Mercator furono infatti acquistate da Jodocus Hondius (1563-1612) e ripubblicate a partire dal 1606 con l’aggiunta di 36 carte, molte delle quali realizzate dallo stesso Hondius, che si presentava come curatore ed editore. L’opera fu un grande successo, tanto che conobbe, a partire dalla prima edizione latina del 1606, circa 50 edizioni nelle principali lingue europee.

 

Il volume appartiene al fondo Mediceo-Lorenese, costituito dalla collezione di testi scientifici, inerenti per lo più le scienze fisico-matematiche, raccolti nel corso dei secoli dalle due dinastie toscane, che, seguendo le sorti delle collezioni di strumenti scientifici, è passato al Regio Museo di Fisica e Storia Naturale, fondato da Pietro Leopoldo nel 1775, e poi all’Università di Firenze. Nelle prime carte sono visibili infatti i timbri Regia università degli studi, Istituto di fisica, del Laboratorio di fisica in Arcetri e del Regio Istituto di studi superiori, Scuola di fisica.

 

Informazioni sullo stato della conservazione

Il volume si presenta in forma di carte sciolte. I margini presentano gravi danni sia di origine meccanica sia, soprattutto, di origine biologica per la presenza di muffe. Il supporto cartaceo è ovunque fragile e ossidato, con migrazione dei colori sul verso delle carte.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Il volume, come tutta la collezione cui appartiene, è consultabile all’interno della biblioteca del Museo Galileo, aperta dal lunedì al venerdì (9.00-16.30) e il sabato in orario 9.00-13.00.

Destinazione delle erogazioni liberali

RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Fine Lavori

COSTO COMPLESSIVO 4,898.30 €

Il volume si presenta in forma di carte sciolte. I margini presentano gravi danni sia di origine meccanica sia, soprattutto, di origine biologica per la presenza di muffe. Il supporto cartaceo è ovunque fragile e ossidato, con migrazione dei colori sul verso delle carte. Il progetto consiste nell'intervento di restauro delle carte previa fissaggio temporaneo delle aree colorate con ciclododecano, velatura delle carte ove necessario e rammendo alla piega dei bifolii deteriorati. Il volume verrà lasciato in carte sciolte e conservato in un contenitore idoneo alla conservazione.