I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

La Biblioteca Internazionale è stata inaugurata il 2 febbraio del 2009 nei locali dell’ex monastero benedettino del San Paolo. 
È intitolata alla giovane giornalista RAI Ilaria Alpi, di origine parmense grazie al padre Giorgio originario di Compiano, che il 20 marzo del 1994 è stata uccisa in Somalia durante un reportage insieme al suo operatore Miran Hrovatin. 

La Biblioteca Internazionale si propone come mission di creare un ponte tra le culture del mondo; un luogo ideale di scambio, dialogo, incontro e conoscenza, di condivisione. 
Inoltre la biblioteca si impegna a valorizzare il pluralismo e le diverse tradizioni culturali per promuovere e sostenere il processo di internazionalizzazione eticamente sostenibile di Parma e contribuire così alla crescita culturale della comunità.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 4.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Tante sono le risorse digitali disponibili in biblioteca, a partire da una significativa collezione di quotidiani e periodici in formato elettronico. Per garantire a tutti una più facile fruizione la biblioteca si doterebbe di 6 Tablet da fornire in prestito gratuito agli utenti. Il Tablet è uno strumento adatto alla lettura di libri e periodici e la biblioteca è il suo luogo naturale. Al fine di dare a tutti i cittadini la possibilità di utilizzare questi nuovi strumenti, la biblioteca si vorrebbe dotare di 6 Tablet (di cui uno dedicato specificamente ai bimbi) che potranno essere utilizzati in biblioteca o presi in prestito per familiarizzarsi con la lettura di e-book. Per i bimbi sarà costituito un archivio di App per divertirsi e apprendere giocando, affinché anche mamme e nonni, attraverso i bimbi, possano imparare ad utilizzare i nuovi strumenti della società digitale.