I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i. L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Il museo è organizzato all'interno dell'antica bottega ceramista dei Coccapani.

La produzione di ceramica nel territorio di Calcinaia, iniziata alla fine del XVII secolo, ebbe ampia distribuzione anche a livello extra regionale. L'installazione di una manifattura ceramica data al 1696, quando i Certosini di Calci, che possedevano una fattoria a Motecchio, nei pressi di Calcinaia, decisero di affiancare alle fornaci di calcina e laterizi che lì possedevano dal XV secolo, una fornace per la produzione di vasi. Della fornace, rimasta attiva fin o al 1798,  oggi non rimane che il toponimo che indica un casolare sotto Montecchio; negli ultimi decenni del XVIII l'attività fu impiantata là dove ancora adesso sono conservati i forni e gli spazi della bottega, negli edifici annessi alla torre d'angolo del castello duecentesco ("torre della fornace"), dove cioè la famiglia Coccapani (vasai di origine modenese)  possedeva degli edifici.

Qui i vasai continuarono la loro attività specializzandosi in" terraglie irdinarie di diverse qualità e di diverse terre", una produzione di ceramica di uso comune, ingobbata e invetriata, stante le testimonianze dell'uso di piombo e di stagno.

La famiglia Coccapani si occupò della fornace fino alla cessione dell'ultima rappresentante, Rosa Coccapani, all?Opera Cardinale Maffi, la quale lasciò la conduzione dell'attività alla famiglia Rovini, fino agli anni '60 del XX secolo.

La presenza delle fornaci, vera e propria fonte materiale per lo studio della storia degli antichi mestieri, fanno del museo di Calcinaia un luogo unico e straordinario, dove si integrano elementi architettonici, strutture e materiali antichi.

Informazioni sullo stato della conservazione

Il percorso museale intende introdurre il visitatore alla conoscenza dell'arte della ceramica, attarverso la presentazione della strumentazione in uso, delle tecniche di produzione e decorazione, degli attrezzi e degli elementi che caratterizzano questo tipo di attività.

il percorso di visita si snoda quindi attraverso una serei di sale che illustrano la storia della fornace e le tipologie ceramiche in essa prodotte, alcune delle quali raccolte durante gli scavi archeologici condotti prima del restauro del complesso.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

28 giugno inaugurazione dalle ore 9,00 alle ore 12,00

L'entrata al museo è libero. per la visita guidata il costo è di €  2,00 a persona.

Il museo è aperto:

il sabato dalle ore 15,00 alle ore 19,30

la domenica dalle ore 10,00 alle 13,00 e dalle ore 15,00 alle ore 19,00

Il museo è sempre aperto su prenotazione per visite e laboratori didattici.

Per informazioni e prenotazioni contattare:

museocalcinaia@gmail.com

associazione Rerum Natura  - 0587/607035

biblioteca comunale di Calcinaia: 0587/265408

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Fine Lavori

COSTO COMPLESSIVO 5.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

acquisto arredi museo della ceramica