I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali e dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i. L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Il Monastero di San Pietro in Lamosa è un affascinante complesso architettonico ricco di storia e di arte, affacciato come una balcone sull’altrettanto affascinante paesaggio della Riserva Naturale delle Torbiere Sebino.

Sorto nell’XI secolo, il Monastero, appartenente all’allora prestigiosissimo Ordine Benedettino Cluniacense, contribuì in misura decisiva alla rinascita dell’agricoltura e del commercio  dopo il Mille nel territorio franciacortino, svolgendo anche un ruolo culturale-religioso e sociale, funzionale al consolidamento di comunità umane stabili e ordinate.

Conobbe, tra XV e XVI secolo, un’influenza francescana, che gli ha dato le forme architettoniche sopravvissute fino ad oggi e lo ha arricchito di un suggestivo apparato di affreschi, visibili nella chiesa e nella sala dei Disciplini.

Nel corso del XVI secolo e fino al XVIII, divenne la Parrocchiale di Provaglio sotto la guida dei Canonici Regolari di San Salvatore, che impreziosirono le forme del complesso con una elegante loggetta rinascimentale ed edificarono la cappella cimiteriale barocca di fronte alla chiesa.

Alla fine del XVIII secolo, passò in proprietà alla nobile famiglia Bergomi che aggiunse al complesso preesistente un’ala residenziale con caratteri signorili e ne fece la propria sede di villeggiatura.

Nel 1983, la chiesa e l’antistante cappella sono state donate dai proprietari alla Parrocchia di Provaglio, che ha provveduto a restaurarle. La parte propriamente monastica è stata, invece, acquistata nel 2000 dal Comune di Provaglio d’Iseo, che, a sua volta, ha provveduto a un suo completo restauro e ne ha deliberato un uso pubblico di carattere socio-culturale, affidandone la gestione alla Fondazione Culturale San Pietro in Lamosa.

Informazioni sullo stato della conservazione

Il Monastero negli anni 2000 è stato quasi completamente restaurato.

Per il completamento del progetto di restauro, manca la sistemazione degli ambianti al primo piano, al momento lasciati a rustico. 

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Il Monastero di San Pietro in Lamosa, è aperto ogni Sabato, Domenica e festivi negli orari:

Periodo estivo: 10:00 - 12:00 / 15:00 - 18:00

Periodo invernale: 10:00 - 12:00 / 14:00 - 17:00

 

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 100.677,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Il progetto in oggetto di erogazione, è  il completamento del restauro delle ultime tre sale, poste al primo piano, del Monastero di San Pietro in Lamosa, che non sono state interessate dal restauro precedente.
 
Il progetto comprende;
- il completamento della facciata prospetto su chiostro con il restauro di porzioni di intonaco in muratura a vista, il recupero dei davanzali e delle inferiate;
- Opere di formazione di sottofondo e caldana per la posa di nuove pavimentazioni;
- restauro degli intonaci interni e la realizzazione di controsoffitti in arelle;
- La rimozione dei serramenti esistenti e la posa di quelli nuovi;
- realizzazione di impianto idro-termo-sanitario e impianto elettrico.